Cuisance al Venezia come gioca e consigli per il fantacalcio

Talento del Bayern Monaco, Cuisance al Veneza rappresenta un vero colpo per i lagunari, che aggiungono un elemento preziosissimo alla rosa di Zanetti.

Sorride Paolo Zanetti, perché un colpo del genere e a queste condizioni era seriamente impensabile: Michael Cuisance al Venezia, in arrivo dal Bayern Monaco a titolo definitivo e per soli 4 milioni di euro. Vale a dire meno di quanto in estate i lagunari hanno sborsato per giocatori come Thomas Henry e Gianluca Busio.

Leggi anche | Bayern Monaco, la nuova gioventù: da Cuisance a Musiala

Un colpo sensazionale, visto che parliamo di un giocatore ancora giovane (22 anni) e a cui gli esperti pronosticano un grande futuro, e che ora andrà a impreziosire una rosa già solida e che finora ha disputato un’ottima stagione, assestandosi sorprendentemente al sedicesimo posto dopo 19 giornate, con 6 punti di vantaggio sulla zona retrocessione.

Chi è Cuisance, genio e sregolatezza

Classe 1999 nativo di Strasburgo, in Francia, Michael Cuisance è da tempo considerato una grande promessa, al punto che due anni fa il Bayern Monaco è arrivato a pagare 8 milioni di euro al Borussia Monchengladbach per assicurarselo, dopo una grande stagioni in Bundesliga.

cuisance
Fonte: michaelcuisance (Instagram)

Centrocampista centrale dalle indubbie qualità tecniche e tattiche, è prezioso soprattutto per la sua capacità di gestire il pallone, ma anche per sapersi adattare a differenti posizioni in campo, da quella di regista basso a quella di trequartista. Un’arma che aggiunge fantasia e imprevedibilità alla manovra del Venezia, che può potenzialmente essere la ciligiena sulla torta dei lagunari, andando ad aumentare le possibilità strategiche della formazione veneta neopromossa.

Calciatori svincolati 2022: quante occasioni

Tutto però passa dalla capacità di Paolo Zanetti di riuscire a domarne il carattere. Il francese è noto per essere un giocatore “difficile”, che ama essere al centro del gioco e non si fa problemi a criticare anche colleghi più esperti di lui. Al Bayern, dopo una buona stagione l’anno scorso in prestito all’Olympique Marsiglia, si è scontratto prima con Lewandowski, reo di non avergli passato il pallone contro lo Stoccarda, e poi con l’allenatore Nagelsmann, che non l’ha schierato in campo contro il Wolfsburg.

Due episodi, entrambi avvenuti a dicembre, che sembrerebbero aver condizionato negativamente il suo rapporto con l’ambiente bavarese, spingendo il club a liberarsene in fretta e anche a un prezzo abbastanza contenuto.

Cuisance al Venezia: come giocherà

L’arrivo di Cuisance a Venezia dovrebbe rendere il giocatore disponibile per i veneti già dalla prossima di Serie A, giovedì 6 gennaio a Salerno (sempre che la Salernitana sia ancora parte del campionato). Ma sono ovviamente da valutare le sue condizioni atletiche, perché il francese ha giocato solamente 45 minuti ad agosto in Coppa di Germania e poi 12 minuti poche settimane fa con lo Stoccarda.

Leggi anche | La forza del Venezia è la difesa

cuisance
Fonte: michaelcuisance (Instagram)

Zanetti ha spesso variato il suo approccio tattico, orientandosi principalmente al 4-3-3, al 4-3-1-2 e alle loro varianti. In questo contesto, Cuisance nel Venezia potrebbe occupare il ruolo del centrocampista centrale, in cui sono stati ruotati molti giocatori ma nella parte dei casi è stato schierato Vacca, oppure come trequartista in un modulo con due mezze punte, giocando in questo accanto all’intoccabile Aramu.

Secondo quanto riportato da varie fonti di calciomercato, il francese aveva raggiunto ieri l’intesa con due pretendenti (l’altra era il CSKA Mosca), ma alla fine la scelta di Cuisance è stato il Venezia. E adesso il centrocampista è già in Laguna per le visite mediche.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI