Home Calciomercato Chiesa al Milan, perché è un acquisto utile

Chiesa al Milan, perché è un acquisto utile

Chiesa al Milan
Foto da Twitter

Chiesa al Milan è dopo quella con Tonali la grande trattativa del calcio italiano. I rossoneri puntano a costruire una squadra forte adesso e nel futuro.

Chiesa al Milan, un anno fa, sarebbe stato un tormentone dell’estate. Invece, con il covid, può essere bene un trend di inizio campionato. Non si sa bene che cosa ci sia realmente dietro la trattativa che può portare l’esterno di Genova verso il San Siro rossonero, ma al Milan, certamente, l’arrivo di Chiesa sarebbe il penultimo passo per costruire una squadra finalmente top.

L’altro passo, infatti, sarebbe rimpolpare un po’ la panchina, in particolare, un difensore che possa assistere la coppia Kjaer-Romagnoli. Ma Chiesa, in ogni caso, per tanti fattori sarebbe i miglior acquisto che possa fare ora il club di via Aldo Rossi.

KALULU-MILAN, CARATTERISTICHE DEL TERZINO EX LIONE

Chiesa al Milan: parlando di calciomercato, prima i fatti

Con Tonali e Diaz, il Milan ha già costruito una buona squadra per la lotta alla Champions League. Mancano, come detto, ancora molti tasselli, ma Chiesa sarebbe la pedina giusta per completare l’asset offensivo della squadra di Pioli. Però ci sono molte difficoltà, soprattutto perché c’è da competere con altre big italiane – Inter e Juve – e, ovviamente, trattare con Commisso. Secondo le fonti, la Fiorentina non intende scendere sotto gli 80 milioni di euro per Chiesa, e per ammorbidire il prezzo, dovrà essere lo stesso Federico a dover convincere la dirigenza toscana.

TOMMASO AUGELLO, LA FACCIA PULITA DEL CALCIO MODERNO

View this post on Instagram

DA13

A post shared by Federico Chiesa (@fedexchiesa) on

Il coronavirus ha martellato le casse dei club di tutto il mondo e i conti, attualmente, sono un po’ per tutti in rosso. La Fiorentina quindi vorrebbe monetizzare (e tanto) con la cessione di Chiesa, che ha detto di voler provare una nuova avventura italiana ma in un contesto più livellato. Da qui il discorso aperto al Milan.

I rossoneri sono sicuramente in una dimensione sportivamente più appetibile rispetto a un anno fa, ma i conti, per il Diavolo come per altri top club, devono comunque essere ribassati. Per questo il nodo economico è il primo da sciogliere, posto che il giocatore viola gradirebbe il Milan tanto quanto altre soluzioni – anche se, a parità di offerta, non c’è dubbio che l’appeal della Juventus è maggiore grazie a contesto e la possibilità di giocare la Champions League.

milan chiesa
Federico Chiesa ha giocato 18 partite in Nazionale, con cui ha segnato anche un gol. (Fonte immagine: profilo Twitter Federico Chiesa)

VEDAT MURIQI, IL NUOVO ATTACCANTE DELLA LAZIO

Insieme per un futuro migliore… Per tutti

Il Milan sta lentamente rinascendo. Con l’umiltà e il lavoro di chi sta in panchia (Pioli) e chi in ufficio (Maldini e Massara), i rossoneri hanno esaltato un ambiente da alcune stagioni in difficoltà. Per questo, Chiesa, potrebbe anche scegliere i rossoneri. Ma non solo.

Il giocatore sarebbe un’altra vertebra della colonna azzurra di casa a Milanello insieme a Donnarumma, Tonali e Romagnoli. In pratica, il Milan si sta sottolineando come top club di grande fascino per i giovani talenti – rossoneri squadra più giovane nello scorso campionato – e l’arrivo di Tonali (e Brahim Diaz) confermano la linea verde del progetto di Gazidis.

Chiesa al Milan sarebbe l’esterno destro perfetto nel 4-2-3-1 o 4-3-3, ma anche, come accaduto nella scorsa stagione, nel 4-4-2. Con Chiesa, Pioli avrebbe l’esterno perfetto per la sua fase offensiva, micidiale nelle ripartenze ma anche in grado di saltare l’uomo con facilità. E appunto, insieme a Donnarumma e Tonali, al Milan Chiesa sarebbe un altro uomo di punta del rinascimento rossonero, tutto giovani e futuro.

VICTOR OSIMHEN, IL NUOVO CRAQUE CHE CORRE FORTE

Un futuro che, però, deve passare anche dal presente, e presente per il Milan vuol dire obbligo di qualificazione alla prossima Champions League, obiettivo che i media e i tifosi danno molto più vicino dopo i recenti arrivi a Milano. Chiesa, in tutto questo, potrebbe trovarsi nella condizione già descritta per Donnarumma qui su Minuti di Recupero: Federico sarebbe il nuovo campione del Milan, l’eroe che ha riportato il Diavolo in Champions League.

Un titolo blasonato che però – va detto – riserverebbe al talento della Fiorentina diverse pressioni. Non che alla Juventus ce ne siano da meno, anzi, a Torino molto di più, ma dover gestire lo stanco pubblico di San Siro non è un’esperienza facile. Eppure, il rinascimento del Diavolo passa soprattutto da personalità in grado di gestire queste situazioni.

E Chiesa è uno di queste.

COME GIOCHERANNO LE SQUADRE DI SERIE A