In Champions League come Del Piero: l’interessante statistica su Chiesa

Quattro gol consecutivi da titolare in Champions League: Federico Chiesa eguaglia un record di Alessandro Del Piero vecchio di 14 anni

Juventus-Chelsea ha consacrato nell’Olimpo del calcio europeo la figura di Federico Chiesa. L’ex esterno della Fiorentina ha risolto la partita con un gol a inizio ripresa all’interno di un match che gli inglesi hanno provato a controllare dall’inizio alla fine, tuttavia facendo possesso sterile e non creando quasi nulla.

LEGGI ANCHE: Juve Chelsea, schermo troppo scuro: Amazon Prime Video risponde

I bianconeri, invece, hanno atteso il momento giusto per colpire: quella col Chelsea, quindi, era una partita che si prestava particolarmente alle qualità di Chiesa, capace di scarenare l’intero comparto difensivo avversario per poi costringere Mendy a raccogliere palla in fondo al sacco. Ma non solo, perché nella serata dell’Allianz, il classe 1997 ha toccato una statistica importante.

Chiesa gol in Champions League: come Del Piero nel 1997

Infatti, come riferito da Opta, Federico Chiesa è il primo giocatore della Juventus capace, negli ultimi 14 anni anni, a segnare in quattro partite consecutive di Champions League giocate da titolare. L’ultimo a riuscirci fu Alessandro Del Piero, che nel 1997 timbrò nella fase a gruppi contro Feyenoord, Manchester United e due volte contro il Kosice.

LEGGI ANCHE: Girone Juventus in Champions League: avversarie e calendario

Quell’anno la Juventus arrivò in finale, persa poi con il Real Madrid per mano del contestatissimo gol di Predrag Mijatovic. Chiesa, invece, aveva chiuso la scorsa stagione segnando tre gol tra andata e ritorno contro il Porto, nella sfida degli ottavi di finale poi terminata con l’eliminazione della Juventus.

LEGGI ANCHE: Champions League 2021/22: squadre partecipanti e calendario

E, in seguito, e ripartito di slancio, prima castigando il Malmo e poi regalando ai tifosi, nella serata contro il Chelsea, una vittoria che cambia l’umore di squadra e ambiente, soprattutto viste le tante defezioni sulle quali ha dovuto lavorare Allegri.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!