calciomercato invernale 20/21
Fonte Immagine: @vitykovalenko (Instagram)

Il calciomercato invernale 20/21 si è concluso, e nonostante la difficile situazione finanziaria dei club sono stati portati a termine alcuni acquisti abbastanza interessanti. Vediamo quali.

Un’altra sessione di calciomercato si è conclusa, la prima del 2021 e la seconda dell’epoca Covid. La pandemia ha costretto ancora i club a ricorrere a parametri zero, prestiti e affari eccezionali, ma nonostante queste difficoltà, alcune squadre in Serie A sono riuscite a fare un mercato valido, aggiungendo alla propria rosa alcuni giocatori importanti. Questi sono i cinque più interessanti secondo Minuti di Recupero.

Adolfo Gaich (Benevento)

Colpo di lusso, per il Benevento di Filippo Inzaghi: Gaich è un giocatore di culto per tutti gli appassionati di calcio sudamericano, grazie ai suoi trascorsi con il San Lorenzo, che gli hanno permesso anche di esordire nella nazionale maggiore dell’Argentina. L’esperienza degli ultimi mesi al CSKA Mosca non è stata delle migliori, ma questo prestito in Serie A potrebbe essere l’occasione per rilanciarsi.

A 21 anni, Gaich gioca da punta centrale ed è il classico Tanque sudamericano, tutto centimetri e forza fisica. È un finalizzatore puro, e ha quindi bisogno di una squadra in grado di servirlo e sfruttarlo a dovere, ma può diventare un nome molto importante per il prosieguo della stagione dei campani.

LEGGI ANCHE: Gaich, il ct Argentina U-23: ‘Dovrà rubare i consigli di Inzaghi, ricorda Denis’

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Adolfo Julián Gaich (@adolfogaich)

Viktor Kovalenko (Atalanta)

24 anni e solo 700.000 euro di spesa: Kovalenko è l’ennesimo colpo est-europeo dell’Atalanta, dopo Malinovskyi e Miranchuk. In realtà, la Dea aveva puntato il centrocampista ucraino in scadenza di contratto per portarlo in Italia dalla prossima stagione, ma la partenza improvvisa del Papu Gomez ha convinto la società ad anticiparne l’arrivo dallo Shakhtar Donetsk al calciomercato invernale 20/21 invece che alla prossima finestra estiva.

Leggi anche:  Roma batte Juve: preso Bryan Reynolds, il nuovo talento del calcio USA

Kovalenko è un trequartista dalla grande visione di gioco, che può sicuramente dare all’Atalanta un apporto offensivo simile a quello di Gomez. In Nazionale, solitamente viene usato come alternativa a Malinovskyi, per cui sarà Gasperini a dover capire chi tra i due è più adatto per una maglia da titolare. Che, a questo punto, potrebbe avere importanti ripercussioni sulle scelte di Shevchenko per i prossimi Europei.

LEGGI ANCHE: Via Gomez, arriva Kovalenko: l’Atalanta riparte dall’ucraino dello Shakhtar

Daniele Rugani (Cagliari)

Un tempo promessa del calcio italiano, poi oggetto misterioso: Rugani aveva firmato per la Juventus ben sei anni fa, quando aveva solo 20 anni e giocava all’Empoli, ma a Torino il suo momento non è mai arrivato, chiusto da un terzetto difensivo di prim’ordine. Alla fine, la scorsa estate ha finalmente deciso di andare a cercar fortuna altrove, venendo prestato in Ligue 1 al promettente Rennes, terzo classificato l’anno scorso.

Ma in Francia le cose non sono andate per niente bene: Rugani ha fatto in tempo a giocare appena una partita contro il Digione a ottobre, e nel successivo match di Champions League contro il Siviglia è uscito infortunato dopo nemmeno 20 minuti. Da allora non ha più giocato, e quello che poteva essere uno dei grandi colpi del calciomercato di Ligue 1 si è rivelato un grande flop. Riparte ora, sempre in prestito, dal Cagliari, che dovrà riuscire a condurre alla salvezza.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Daniele Rugani (@daniruga)

Kevin Strootman (Genoa)

Come Rugani, Strootman è stato un altro grande talento frenato dagli infortuni. Era arrivato alla Roma come uno dei più interessanti centrocampisti d’Europa, ma nella capitale è riuscito a mettersi in mostra solo a sprazzi, quando il fisico glielo consentiva. Nell’estate del 2018 è così passato al Marsiglia, dove ha lentamente trovato un maggiore equilibrio, servendo numerosi assist.

Leggi anche:  Diritti tv: l'accordo della Serie A coi fondi di private equity e gli sviluppi della canale della Lega

Il suo rapporto con Villas-Boas, però, non è mai decollato, e soprattutto in questa stagione l’olandese ha trovato poco spazio. A 30 anni, è ancora lontano dal potersi dire sul viale del tramonto: il Genoa lo ha preso in prestito nel tentativo di portare ordine ed esperienza in una squadra che ha bisogno di una scossa. Con lui in campo, sono già arrivati 7 punti in 3 partite.

LEGGI ANCHE: Strootman al Genoa: una risorsa per Ballardini?

Joshua Zirkzee (Parma)

Il Parma ha portato a termine le trattative più affascinanti del calciomercato invernale 20/21, e su tutte spicca l’arrivo in prestito di Zirkzee, il classe 2001 del Bayern Monaco. Nel dicembre 2019 aveva il suo esordio, giovanissimo, con il club tedesco, imponendosi subito come un attaccante già maturo e molto promettente: la sua prima stagione tra i professionisti si è conclusa con 4 gol e 1 assist in 9 partite di Bundesiga, e un mitico Triplete per il Bayern.

In questa nuova annata, invece, Zirkzee ha avuto maggiori difficoltà (appena 5 presenze tra campionato e coppa), ma le sue potenzialità restano enormi, e il Bayern ha pensato bene di dargli un’occasione in un campionato importante come la Serie A. Tra Cornelius, Inglese e Pellé, però, la competizione sarà molto serrata.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Joshua Zirkzee 🪐 (@zirkzee)

LEGGI ANCHE: Joshua Zirkzee, un nome nuovo per il Parma

Calciomercato invernale 20/21: gli altri acquisti da tenere d’occhio

I colpi del calciomercato invernale 20/21 non sono finiti qui, però. Il Cagliari, ad esempio, ha rafforzato anche il proprio centrocampo con la coppia Nainggolan-Duncan, in prestito rispettivamente da Inter e Fiorentina. Con la stessa formula, Adam Ounas è passato dal Napoli al Crotone, dove cercherà di ritrovare l’estro che sembra aver smarrito da tempo.

Leggi anche:  Qual è il record di rigori in una stagione?

Altro acquisto di culto è quello del russo Aleksandr Kokorin da parte della Fiorentina, mentre il Torino ha piazzato due colpi importanti con il regista ex-Udinese Rolando Mandragora e una nuova punta, il paraguayano Antonio Sanabria, prelevato per 7 milioni di euro dal Betis.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!