Benfica Juventus senza goal line technology: spieghiamo perché

vlahovic
Fonte: Image Photo

Questa sera Benfica Juventus verrà giocata eccezionalmente senza l’ausilio della goal line technology: spieghiamo il perché di questa particolarità.

Sarà meglio stare attenti a segnare in maniera chiara e inequivocabile, nel match di questa sera in Champions League a Lisbona: Benfica Juventus, valida per la quinta e già decisiva partita del Gruppo H della Champions League, non verrà infatti coadiuvata dall’impiego della goal line technology.

Si tratta in una specifica tecnologia che permette di verificare in tempi brevissimi se il pallone ha superato o meno la linea di porta. Dalla sua introduzione nel 2012, in occasione del Mondiale per club, il sistema Hawk-Eye si è diffuso rapidamente in tutte le principali competizioni calcistiche al mondo (in Serie A è arrivato a partire dalla stagione 2015/2016) e ha di fatto eliminato il rischio di gol fantasma.

Benfica Juventus senza goal line technology: perché

La UEFA ha comunicato nella mattnata di oggi che la tecnologia di porta non sarà disponibile durante Benfica Juventus di questa sera in Champions League, match affidato alla direzione dell’arbitro serbo Srdan Jovanovic.

La motivazione di questo inconveniente riguarda un problema tecnico dello stadio Da Luz di Lisbona, dove si disputerà l’incontro. Secondo la UEFA, la responsabilità del problema è del Benfica che “all’insaputa della UEFA e del fornito UEFA della goal-line technology, ha commissionato dei lavori allo stadio Da Luz che hanno reso disfunzionale il sistema”.

Il problema è di entità abbastanza importante, e comporta che non sarà possibile risolverlo in tempo per la partita di stasera. Per cui, in deroga al regolamento, Benfica Juventus non potrà avvalersi del supporto della tecnologia di porta.

Benfica Juventus senza goal line technology: come sostituirla

Tuttavia, i tifosi possono stare tranquilli: l’assenza del sistema di porta non significa alcun concreto rischio di gol fantasma durante la partita. La UEFA ha infatti subito provvedimenti e, pur non potendo rimpiazzare in tempo il sistema della goal line technology, ha trovato un’alternativa abbastanza sicura e funzionale.

Sarà infatti il VAR a occuparsi di eventuali contenziosi in merito a possibili gol/non gol, aiutando il compito non semplice dei due assistenti laterali. Questo sistema prevede infatti l’utilizzo di una goal line camera, ovvero una telecamera posta sulla linea di porta che viene impiegata nello stesso modo che si fa per verificare il fuorigioco.