antonin barak verona

Il centrocampista Antonin Barak, arrivato in estate dall’Udinese, ha avuto un inizio di stagione da grande protagonista con la maglia del Verona

Il Verona di Ivan Juric continua a fabbricare o a rilanciare talenti. Dopo il miracolo della scorsa stagione, con la valorizzazione di talenti come Amrabat e Rrahmani e il rilancio di giocatori esperti come Veloso, quest’anno è arrivato il turno – tra gli altri – di Antonin Barak. Il centrocampista ceco, reduce da una stagione tra Udinese e Lecce, si sta rivelando l’uomo in più della formazione scaligera.

LE PARTITE DI OGGI IN TV: A CHE ORA E DOVE VEDERLE

Barak a Udine: impatto da urlo

Barak è stato uno dei tanti stranieri su cui ha deciso di puntare l’Udinese negli ultimi anni. L’arrivo in bianconero si è materializzato nell’estate del 2017, dopo che il giocatore si era messo in mossa per tre campionati con la maglia dello Slavia Praga. Dopo un buon inizio di stagione, impreziosito da due reti determinanti per le vittorie contro Sassuolo e Atalanta, il rendimento di Barak s’impenna nel momento in cui il tecnico friulano Luigi Delneri viene sostituito da Massimo Oddo.

ATLETICO NACIONAL, LA LEGGENDA DEI ‘PUROS CRIOLLOS’

Posizionato nel ruolo di mezzala nel 3-5-2 proposto da Oddo, Barak è tra i protagonisti assoluti dello straordinario avvio di Oddo da mister bianconero. Il centrocampista contribuisce infatti con 4 gol e 2 assist alle 5 vittorie consecutive conquistate dall’Udinese nel mese di dicembre. L’incantesimo poi si spezza sia per Barak che per la squadra, capace nei mesi successivi di perdere 11 partite di fila e andare ad un passo dalla retrocessione. Caduta in B comunque evitata grazie alle vittorie contro Verona e Bologna nelle ultime 2 giornate, a cui il ceco contribuisce con 1 gol e 1 assist.

Anni di delusioni tra Udinese e Lecce

Barak sembra essere l’ennesimo fiore sbocciato dalle parti di Udine, ma le stagioni successive non confermano questa previsione. Nel campionato 2018/19 il ceco racimola solo 8 presenze, soprattutto per via di una lombalgia che lo tormenta per tutta la stagione. Un infortunio che lo fa scendere nelle gerarchie del tecnico Igor Tudor, capace di portare la squadra alla salvezza e confermato per l’anno dopo. Anche nel girone d’andata 2019/20 Barak passa più tempo in panchina che in campo, decidendo così di lasciare Udine.

FASCE GOL FANTACALCIO: COME CALCOLARE IL PUNTEGGIO

Il giocatore, considerato poco anche dal nuovo tecnico Luca Gotti, viene ceduto in prestito al Lecce nel gennaio del 2020. L’impatto con il club salentino è molto positivo, visto che contribuisce con un gol al 4-0 ai danni del Torino. Il ceco risulta uno dei migliori nella seconda parte di stagione dei salentini che però, nonostante un gioco brillante e propositivo, non riescono ad evitare la retrocessione.

Dove gioca Barak nel Verona di Juric

In estate torna quindi all’Udinese, dove però non soggiorna per molto tempo. Il ceco riparte infatti da Verona, che lo prende in prestito con obbligo di riscatto. Il tecnico gialloblù Juric lo schiera da tra le linee nel suo 3-4-2-1, con il compito di dare qualità alla manovra offensiva ma anche di contribuire al pressing asfissiante sui portatori di palla avversari (il marchio di fabbrica del mister veronese).

SARDAR AZMOUN, LA PUNTA IRANIANA CHE FA GIRARE LA TESTA ALLA SERIE A

Nel Verona Barak diventa uno dei punti di riferimento, ben impressionando per le sue prestazioni ricche di qualità e sostanza. La ciliegina sulla torta è rappresentata dal 3-1 ai danni del Benevento, a cui contribuisce con una splendida doppietta. Prima una zampata da attaccante navigato, poi una stoccata di esterno sinistro che non lascia scampo al portiere avversario. Una grande partita, da parte dell’ennesimo giocatore esaltato dal perfetto meccanismo creato da Juric.