Newcastle, possibile problema allenatore: vogliono un top, ma chi?

Unai Emery ha smentito ufficialmente la possibilità di trasferirsi al Newcastle: quali saranno le alternative della dirigenza del club inglese?

L’arrivo della nuova proprietà ha creato una grande sensazione di ansia e attesa intorno ai movimenti di mercato del Newcastle. Dopo il recente esonero di Bruce, la prima operazione sarà quella di trovare il nuovo allenatore.

Nelle ultime due uscite, infatti, la squadra è stata guidata dal traghettatore Greame Jones – che ha ottenuto un pareggio e una sconfitta -, ma la dirigenza dei Magpies sta ricercando un profilo di caratura internazionale che aiuti a risollevare la squadra dai bassifondi della classifica e sul quale si possa fondare il progetto dei prossimi anni.

Nelle ultime ore il nome più forte era stato quello di Unai Emery, il quale ha però cortesemente declinato, dicendo di non voler lasciare il Villareal. Viste le avventure poco positive alla guida di club molto ricchi come Paris Saint Germain e Arsenal, probabilmente l’allenatore basco non si è sentito di riprovare una terza avventura di questo tipo.

unai emery
Unai Emery of Arsenal gestures
Napoli 18-04-2019 Stadio San Paolo,
Football Europa League 2018/2019 Napoli – Arsenal
Quarter finals, 2nd leg
Foto Cesare Purini / Insidefoto

Leggi anche | Non solo Newcastle: gli altri club di proprietà saudita in Europa

Newcastle, le alternative ad Emery

Dopo il “no” del allenatore del Villareal, non sembrano esserci numerose alternative. Al momento, secondo i bookmakers inglesi, il favorito sarebbe Eddie Howe: il classe ’77 ha allenato il Bournemouth dal 2012 al 2020, rendendosi protagonista della grande scalata dalla quarta serie alla Premier League.

Anche Paulo Fonseca rientra tra i profili sondati. Nella passata estate l’allenatore portoghese è stato molto vicino sia al Tottenham che alla Fiorentina, senza però raggiungere un accordo con nessuna delle due società.

Se questi due sembrano i nomi più probabili, nelle ultime settimane ne sono comparsi moltissimi sui vari quotidiani: dagli inglesi Gerrard e Lampard, fino all’ex Dortmund Lucien Favre, tutte alternative che, al momento, sembrano improbabili.

eddie howe
Fonte: @officialafcb (Instagram)

Leggi anche | Wolfsburg a due facce in casa: la differenza fra Champions e Bundesliga

Il Newcastle è una destinazione poco gradita ai big?

Se la proprietà è così ricca, come mai non è arrivato uno dei migliori allenatori al mondo? All’arrivo della società, in effetti, tra i tecnici senza squadra c’erano figure del calibro di Antonio Conte e Zinedine Zidane, ma nessuno di loro due è parso particolarmente vicino a sedere sulla panchina dei Magpies.

Innanzitutto, la situazione del Newcastle non è proprio delle migliori. Al momento la squadra si trova in diciannovesima posizione, senza aver mai vinto una partita in campionato e a sei lunghezze di distanza dalla salvezza. La rosa non è particolarmente attrezzata – anche se ci si aspettano colpi importanti per il mercato invernale – ma una qualificazione in Europa è altamente improbabile.

E, forse, è proprio questo il motivo dell’attuale mancanza di appetibilità della squadra: quando allenatori come Ancelotti e Mancini subentrarono a metà stagione rispettivamente al Psg e al City, avevano ottime possibilità di centrare la qualificazione in Europa per la stagione successiva (cosa che avvenne puntualmente in entrambi i casi).

Vista questa situazione, appare difficile che un allenatore di livello internazionale scelga di stare un anno e mezzo senza giocare le competizioni europee, ed è quindi più probabile che la dirigenza dovrà scegliere un nome un po’ meno altisonante.

Newcastle
Fonte: IG (@nufc)

Iscriviti al nostro canale YOUTUBE

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI