HomeCalcio EsteroPerché il River Plate ha giocato il Superclasico con il quinto portiere

Perché il River Plate ha giocato il Superclasico con il quinto portiere

Nell’emergenza generale il River Plate scopre un nuovo talento tra i pali: si tratta di Alan Leonardo Diaz, tra i migliori nell’ultimo Superclasico

Si chiama Alan Leonardo Diaz, ha compiuto 21 anni lo scorso gennaio e, da poche ore, è entrato nella storia del River Plate. Difendendo i pali dei millonarios nel Superclasico di Liga Profesional argentina perso ai calci di rigore, il giovane talento del settore giovanile della Banda è diventato il portiere più giovane a esordire in prima squadra nel secolo attuale.

LEGGI ANCHE: Tevez e River Plate, una storia di gol e polemiche

Un record, il suo, che passa comunque in secondo piano al cospetto della prestazione autoritaria e sicura, in risposta alla grande fiducia che in lui ha riposto Marcelo Gallardo, trovatosi in emergenza totale proprio alla vigilia dell’evento. Diaz, nei minuti regolamentari, è capitolato sul tiro di Tevez in avvio, calando poi diverse parate importanti. L’ultima, inutile ai fini del risultato, è arrivata sul rigore di Cardona nella lotteria finale.

Alan Leonardo Diaz, titolare per caso

L’istantanea finale con Gallardo che lo abbraccia diventa così la promozione definitiva per un ragazzo di cui si sentirà parlare.

Eppure, Alan Leonardo Diaz si è preso una maglia da titolare per puro in caso; infatti, durante la giornata di venerdì il tecnico del River Plate ha appreso della positività al Coronavirus di 15 componenti del gruppo squadra, aumentati poi a 25 nelle ore successive.

LEGGI ANCHE: Scontri diretti Roma-Sassuolo: le possibili combinazioni

Un vero e proprio focolaio senza precedenti, almeno per quanto riguarda il calcio argentino. A beneficiarne è stato proprio Diaz, che ha approfittato indirettamente del fatto che il Covid-19, dopo aver colpito i tre portieri della prima squadra, ha messo ko anche Franco Petroli, il titolare della squadra B nonché estremo difensore dell’under 20 argentina.

LEGGI ANCHE: Scontri diretti Juventus-Atalanta: le possibili combinazioni

Obiettivo Copa Libertadores

Così, vista l’indisponibilità di Armani, Lux e Bologna, Diaz ha avuto la sua occasione e l’ha sfruttata al meglio, diventando anche oggetto di meme sul web per l’espressione immortalata dai fotografi un secondo dopo il gol subito da Tevez. A bocca spalancata, incredulo, come se si stesse chiedendo come poter fermare un campione come l’Apache.

LEGGI ANCHE: Scontri diretti Torino-Benevento: cosa succede in caso di parità

Adesso, Alan Leonardo Diaz ha giusto il tempo di prendersi i complimenti di tifosi e compagni, per poi rimettersi a lavorare in vista del prossimo impegno in Copa Libertadores. Il River Plate, infatti, tra mercoledì e giovedì, ospiterà l’Independiente Santa Fe al Monumental senza recuperare alcun portiere. Per farlo, però, la Conmebol dovrà fare una deroga, permettendo al club di inserire due nuovi portieri nella lista. In caso contrario, per l’esordio in coppa Diaz dovrà ancora aspettare.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

75387536bf8277a4a0c328b6d3d9d91b?s=90&d=mm&r=g
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti