HomeCalcio EsteroTutti i possibili scenari nel futuro di Sergio Aguero

Tutti i possibili scenari nel futuro di Sergio Aguero

Il Kun Aguero è sul mercato. O meglio, il suo contratto scadrà nel prossimo giugno e dalla Spagna cercano di decriptarne il futuro

José Alvarez dalle pagine del Chiringuito ha citato Inter e Juventus come le più interessate a tesserare il giocatore, che intanto esprime il suo desiderio per il prossimo anno.

Leggi anche: Chi è Albert Braut Tjaaland, sulle orme del cugino Haaland

Aguero: un unico desiderio

“Il mio contratto scade il prossimo giugno, non so ancora che cosa farò. L’unica cosa che voglio è giocare, a fine stagione vedremo.”

Arrivato al City nell’estate 2011 dopo 100 gol con l’Atletico Madrid, Aguero ha conquistato la vetta dei cannonieri dei Citizens nel 2017, grazie ad un gol segnato in Champions League contro il Napoli. Da quel momento, altri 79 gol per il dieci degli Sky Blues, per un totale di 256 reti in 379 partite, a cui vanno aggiunti i 73 assist. 

Aguero è quindi una vera e propria leggenda vivente del Manchester City che però sembra poter ormai fare a meno di lui: in questa stagione l’argentino ha racimolato solamente 9 presenze, con due gol e nemmeno un assist per un totale di 260 minuti giocati. 

Leggi anche: Pochettino e Mourinho: il Tottenham ha sbagliato?

Una miseria, non adatta a un giocatore da 25 gol e 35 presenze di media a campionato. Per questo, molto probabilmente a fine stagione le strade del City e di Aguero si divideranno, con quattro squadre alla finestra. 

Cinque possibili pretendenti

In pole position ovviamente il Barcellona di Leo Messi. É difficile dire se l’argentino rimarrà al Camp Nou anche la prossima stagione ma, visto il legame con Aguero, qualora decidesse di rimanere è facile che il Barça possa virare con decisione sull’ex stella dell’Atletico Madrid. 

A seguire il Paris Saint Germain, dove le mosse del mercato offensivo non sembrano fermarsi mai: col futuro di Mbappé in dubbio e la mossa-Messi da scaldare sotto le ceneri del matrimonio tra i blaugrana e l’argentino, la possibilità di portare Aguero sotto la Torre Eiffel non è da mettere da parte con tanta facilità. 

Poi ci sono le due (per ora) piste italiane. L’Inter, oggi prima in classifica grazie alla recente vittoria nel derby, sta vivendo un momento complesso a livello societario e la scegliere di acquistare un giocatore del livello di Aguero a parametro zero metterebbe a riparo da qualsiasi vendita non desiderata in caso di necessità economiche. 

Leggi anche: Non è vero che in Serie A si gioca per un attaccante

La Juventus invece, avvezza sin dai tempi di Marotta agli arrivi a costo zero, con Aguero completerebbe un reparto che in questa stagione – tolto ovviamente Ronaldo dal computo finale – non ha esattamente impressionato. Infine, di recente si è prospettata l’ipotesi Chelsea, che dopo il faraonico mercato dell’estate scorsa ha dovuto adattare Havertz da numero 9 e il Kun, effettivamente, potrebbe avere le caratteristiche necessarie per implementarsi bene al gioco dei Blues.

Costi, futuro e problematiche

Ma prima di poter pensare ad uno scenario realistico per il futuro del centravanti argentino dalle qualità indiscutibili, bisogna prendere in considerazione il costo di un ingaggio monstre che, effettivamente, non tutte le squadre possono permettersi di pagare a un trentaduenne. 

Sono 13 i milioni di sterline netti che Aguero percepisce al City era trentadue anni, è improbabile che per l’ultima grande avventura in Europa scelga di abbassarsi l’ingaggio. 

Inoltre, gli infortuni che lo perseguitano non aiutano la scelta: solo quest’anno ha saltato 28 partite tra infortunio (18) e Covid (10), mentre nella stagione passata sono 18 le gare a cui Aguero non ha preso parte. 

Di conseguenza, sebbene sia un allettante opportunità, ogni pro e contro andrà valutato attentamente in vista delle operazioni estive.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: Instagram, Facebook, Twitter e Flipboard!

Simone Mannarino
Simone Mannarino
Classe '94 e laureato in Storia all'Università Statale di Milano, ama il calcio in ogni sua forma ed espressione. Alla costante ricerca di storie da raccontare che permettano di andare oltre ciò che vediamo tutte le domeniche.

Articoli recenti