5 motivi per cui Icardi può andare alla Roma

0
891
icardi al milan
Fonte: Image Photo Agency

Icardi alla Roma è un’eventualità di mercato che stuzzica sia i giallorossi che l’ex attaccante dell’Inter: ecco 5 motivi per cui può valere la pena.

La nuova stagione ancora non è iniziata, e già emerge il problema per la Roma. L’infortunio di Tammy Abraham si rivela infatti più grave del previsto: l’attaccante inglese resterà fuori 7 mesi per via di un un trauma distorsivo con lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Vale a dire che per il centravanti 25enne il 2023 è già finito, e questo non può non complicare i piani giallorossi in vista della prossima stagione.

La Roma si troverà di nuovo in Europa League, con l’ambizione di migliorare i risultati dell’annata appena conclusa, e i gol della sua punta titolare sono di vitale importanza. L’anno scorso, con 27 reti la punta pagata 40 milioni al Chelsea è stata decisiva in maglia giallorossa, ma nel 2022/2023 già sono emerse maggiori difficoltà, hanno portato Abraham a chiudere la stagione con sole 9 reti segnate. L’anno prossimo doveva essere quello della verità, ma ora si dovrà attendere almeno gennaio per vederlo in campo.

Ecco perché la Roma sta adesso valutando le nuove possibilità offerte dal mercato, con un nome su tutti che sta conquistando il pubblico giallorosso: quello di Mauro Icardi, ex attaccante dell’Inter oggi sotto contratto col PSG, ma reduce da una bella annata in prestito al Galatasaray. Negli anni, Icardi è stato un giocatore molto discusso, soprattutto per questione extra-campo, ma può essere ancora molto utile alla Roma. Vediamo perché.

LEGGI ANCHE: Icardi vicino al Galatasaray: cosa ci guadagna l’Inter?

I motivi per cui Icardi alla Roma è la scelta giusta

1. Non ha smarrito la via del gol

Le tre stagioni trascorse al PSG hanno seriamente compromesso lo status di bomber di alto profilo di Icardi, ma la sua vena realizzativa è tutt’altro che esaurita. L’argentino lo ha dimostrato quest’anno in Turchia, imponendosi come il grande mattatore del Galatasary, che ha trascinato con i suoi gol a vincere lo scudetto. Icardi ha messo a segno ben 22 reti in 24 partite di campionato, dimostrando che, quando ha spazio e fiducia, può ancora essere un terminale offensivo eccezionale.

2. L’intesa con Dybala

Entrambi attaccanti, argentini e classe 1993: spesso si è parlato, in passato, di Dybala e Icardi come possibile coppia offensiva, alla Juventus o all’Inter, ma nessuna ipotesi si è mai concretizzata. I due hanno giocato assieme solamente in nazionale, lasciando sempre intravedere una buona intesa, e sono anche amici. La Roma potrebbe così comporre una coppia fa sogno, che entusiasmerebbe i tifosi ma anche i due stessi giocatori.

3. Voglia di ricominciare

A 30 anni, Mauro Icardi è reduce da una grande stagione che lo ha rimesso sulla mappa dal calcio europeo. Ma il Galatasaray è un club troppo piccolo per le sue ambizioni, sia sportive che economiche, e il riscatto dal PSG sembra veramente complicato. Questa stagione gli è servita per dimostrare che può ancora fare la differenza, e l’argentino intende usarla come un trampolino di lancio per trovare un’occasione migliore.

4. La Roma è l’ambiente perfetto

Squadra ambiziona e dalla rosa competitiva, la Roma ha importanti chance in campionato e in Europa. Ciò che è mancato quest’anno sono stati proprio i gol del centravanti, e con Abraham fuori per la prima metà della stagione, Icardi avrà tutto il tempo per mettersi in mostra, senza soffrire una ingombrante competizione. In più, Mourinho sembra l’allenatore migliore per trarre il meglio dal giocatore.

5. Il costo è alla portata dei giallorossi

La prossima stagione sarà l’ultima di Icardi come giocatore del PSG, dato che il suo contratto scade nel 2024. Il club francese sarebbe quindi propenso a fare uno sconto alla Roma, arrivando anche a chiedere 15-20 milioni in varie formule, decisamente abbordabile per il club giallorosso. Anche l’ingaggio non sarebbe un problema, grazie al decreto crescita: gli attuali 9 milioni netti di stipendio potrebbero venire spalmati su più anni, ammortizzando i costi e rendendoli sostenibili per le casse della Roma.

LEGGI ANCHE: Houssem Aouar chi è e come gioca: pronto per la Roma