Milan, il nome per il futuro dell’attacco dei rossoneri

Tsadjout è il nome nuovo di questi ultimi giorni. Ma quali sono le caratteristiche dell’attaccante che può rappresentare il futuro?

Tsadjout. Questo sembra essere uno dei nomi da segnare sul taccuino e da tenere d’occhio per il futuro. Si sta parlando di un attaccante di proprietà del Milan e che, in questa sessione di mercato invernale, è passato in prestito all’Ascoli. Un modo per farsi le ossa, per crescere, per maturare e per mettere in mostra le sue qualità, che hanno già attirato attenzioni su attenzioni. Ma qual è la sua storia? Giusto raccontare alcuni aneddoti, che rendono il suo profilo tutto da scoprire.

Milan, tanti nomi per la difesa ma c’è chi si offre ai rossoneri

Tsadjout, sarà lui il futuro del Milan? Le sue caratteristiche

Classe 1999, in molti in passato l’avevano già paragonato a Patrick Cutrone, ma l’italo-camerunese ha caratteristiche ben diverse. La punta si è messa in mostra negli scorsi anni con la Primavera dei rossoneri, dover ha colpito in primis per la sua duttilità. Infatti può agire come prima punta, ma anche come ala e a supporto di un centravanti. Nella sua carriera però ha addirittura giocato anche a centrocampo. Insomma, il buon Frank è una sorta di vero e proprio jolly che qualsiasi tecnico vorrebbe con sé.

Un paragone? Difficile sempre azzardare un qualcosa del genere, ma si può dire che per movenze e per stazza fisica, visti i suoi 190 centimetri, ricorda un po’ Mario Balotelli. Tsadjout è bravo nel proteggere palla, nel far salire la squadra, nel giocare di sponda, nel fare presenza in area di rigore, e rispetto allo stesso SuperMario, ha un’attitudine e una disponibilità maggiore al gioco di squadra, mettendosi al servizio dell’allenatore. E, a proposito di allenatori, a puntare su di lui è stato in primis Gattuso, che l’ha allenato in Primavera e che, in situazioni di emergenza, l’ha persino portato in prima squadra.

E chissà che l’Ascoli per lui non sia la piazza giusta per esplodere definitivamente. A 22 anni i tempi sono maturi e a saperlo bene è lui stesso, che durante la presentazione, ha dimostrato di aver capito di sentire responsabilità e fiducia. Il modo giusto per partire alla grande e caricarsi un peso importante sulle spalle. Per il resto sarà il campo a parlare a darci le prime risposte, da giudice inopinabile qual è sempre stato.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI