Ci sono retroscena curiosi sullo stipendio di Tiago Dantas

Tiago Dantas, centrocampista portoghese, è finito al centro delle attenzioni per il bassissimo stipendio che percepisce in Germania

LEGGI ANCHE: Cos’è la Superlega Europea e perché c’è il veto della FIFA

Tiago Dantas è uno dei giovani più interessanti del Bayern Monaco. Centrocampista classe 2000, in questa stagione non ha avuto grandissime occasioni di mettersi in mostra ma, nonostante ciò, secondo la stampa tedesca e i media che gravitano attorno al club bavarese, il portoghese sarebbe un vero e proprio pupillo di Flick.

LEGGI ANCHE: Lewandowski avrebbe meritato il Pallone d’Oro 2020?

Con il manager in partenza – in tal senso, si fanno sempre più insistenti le voci che vedrebbero Nagelsmann sulla panchina del Bayern dalla prossima estate – è difficile dire quale sarà il destino di Tiago Dantas. Eppure, la dirigenza sta valutando seriamente l’ipotesi di mantenerlo in rosa, nonostante al momento il suo status sia quello di un semplice comprimario.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tiago Dantas (@tiagodantas86)

Tiago Dantas, il meno pagato al Bayern

In questi giorni ha fatto scalpore la rivelazione dello stipendio di Tiago Dantas, che vari giornalisti hanno voluto mettere a confronto con il salario del calciatore più pagato in rosa, ovvero quel Robert Lewandowski che, stime alla mano, guadagna circa 1,7 milioni di euro netti al mese. Il polacco, che col Bayern ha vinto tutto, sicuramente merita quei soldi e, perché no, i bavaresi sono ben contenti di pagarglieli.

Tiago Dantas, invece, percepisce uno stipendio pari a 8mila euro al mese, ciò che il bomber originario di Varsavia incamera in circa due giorni di lavoro. Difficile dire il perché di una disparità così profonda e particolare, perché se è vero che da una parte ci troviamo di fronte a un ingaggio da super top, dall’altra non è così scontato trovare professionisti che guadagnano così poco.

Arrivato in prestito dal Benfica, il centrocampista portoghese è diventato quindi famoso suo malgrado, ma il materiale di base è molto buono e, di conseguenza, servirà solo il posto giusto in cui mettersi in mostra. Quel posto forse non sarà la Bavaria, o almeno non in tempi brevi, ma di certo le potenzialità per puntare a un salario più soddisfacente sono concrete.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!