Staff tecnico Argentina chi sono: non solo Samuel

Argentina Scaloni
Twitter Argentina

Staff tecnico Argentina, chi sono gli assistenti del commissario tecnico Scaloni oltre a Walter Samuel.

Ex giocatori e non solo, dietro all’allenatore dell’Argentina c’è un gruppo consolidato. Compaiono sempre dietro a Lionel Scaloni e fanno parte dello staff da quando l’Albiceleste è diventata “la Scaloneta“. Sono gli assistenti e i vice-allenatori, anche se in realtà per gli appassionati di una certa età non sono volti nuovi.

Due dei tre vice di Scaloni infatti sono vecchie conoscenze del calcio italiano, due difensori che hanno fatto la storia della Serie A. Quello che compare più spesso è Walter Samuel, ex difensore centrale della Roma e dell’Inter. Chiamato “The Wall”, il Muro, ha vinto lo scudetto sia in giallorosso che in nerazzurro. Anzi con l’Inter conquistò addirittura il Triplete nel 2010.

Giocatore di enorme carisma e dalle spiccati doti di leadership, Samuel ha giocato anche due edizioni del mondiale, nel 2002 e nel 2010, dove l’Argentina era uscita rispettivamente ai gironi e ai quarti di finale. Assieme a lui in qualità di vice c’è Roberto Fabian Ayala, che in Italia ha giocato con il Napoli e con il Milan, vincendo lo scudetto nella stagione 1998-99.

Come Samuel, Ayala era un difensore centrale di grande personalità e classe, più elegante del collega (potevano giocare benissimo assieme peraltro) e che ha trovato anche in Spagna al Valencia una squadra dove esprimersi al meglio. Ad esempio conquistando la Coppa Uefa nel 2004 e di lì a pochi mesi anche la Supercoppa Europea. In nazionale ricordi così così anche se nel 2006 un suo gol aveva portato in vantaggio l’Argentina ai quarti di finale contro la Germania, prima del pareggio tedesco e della sconfitta dell’Albiceleste ai rigori. Uno di questi tiri, sbagliato proprio da Ayala che però non era uno specialista.

Staff Argentina gli altri assistenti

E a proposito di Valencia il terzo vice di Scaloni è uno che nella squadra “Che” ha dato spettacolo in più di un’occasione: Pablo Aimar. Lui invece era un fantasista, molto creativo e capace di giocare anche in appoggio a un’unica punta. Leggenda assoluta anche al River Plate, “El Payaso”, come veniva soprannominato.

Protagonista del grande Valencia a cavlo del millennio, vinse due titoli nella Liga, più la doppietta Coppa Uefa e Supercoppa Europea del 2004. Aimar è nello staff di Scaloni ma è pure l’allenatore dell’Argentina under 17. Preparatore dei portieri infine è Martin Tocalli, di chiare origini italiane. Già presente nella precedente gestione di Sampaoli, si può dire che anche grazie a lui Martinez sta rendendo alla grandissima in questo mondiale tra i pali della Selección.