Simone Pafundi: chi è il 16enne convocato da Mancini in Nazionale

Simone Pafundi chi è il giovane attaccante classe 2006 convocato in Nazionale da Roberto Mancini

Durante la sua gestione, Roberto Mancini ci ha abituato a convocazioni molto particolari. Il CT della Nazionale ha dimostrato di avere un occhio di riguardo, molto sapiente per i giovani. In principio fu Zaniolo, poi ne sono arrivati moltissimi, per ultimo Willy Gnonto. Giovani talenti si cui il tecnico dell’Italia ha saputo mettere gli occhi e che ha portato in Nazionale, regalandogli una vetrina importante e decisiva per la loro carriera.

L’ultima scoperta di Roberto Mancini porta il nome di Simone Pafundi, attaccante classe 2006 che è stato convocato per le amichevoli degli azzurri contro l’Albania e l’Austria, in programma il 16 e il 20 novembre. Mentre le grandi del globo si preparano al mondiale qatariota, l’Italia prova a riorganizzare la propria ripartenza e lo fa affidandosi alle giovani speranze. Dai più conclamati come Chiesa, Zaniolo e Scamacca, ai giovanissimi come Pafundi. Mancini prova a scavare a fondo nel patrimonio a sua disposizione, alla ricerca di pepite su cui costruire il futuro. Andiamo a scoprire, dunque, chi è questo ragazzo scelto dal CT per vestire, molto precocemente, la maglia della Nazionale.

Chi è Simone Pafundi

Nato a Monfalcone, provincia di Gorizia, il 14 marzo 2006, Pafundi è cresciuto compiendo la trafila nelle giovanili dell’Udinese, arrivando a esordire in Serie A con la maglia dei bianconeri nell’ultima giornata dello scorso campionato, entrando a ventidue minuti dalla fine nel trionfo esterno sul campo della Salernitana e diventando il primo 2006 a esordire in Serie A. Nella stagione precedente ha vestito per la prima volta la maglia dell’Udinese Primavera, diventandone presto un punto di riferimento. Quest’anno ha accumulato, sinora, 7 presenze in Primavera 1, mettendo a referto 2 reti e 3 assist. Lo scorso anno è stato protagonista della promozione nel massimo campionato Primavera dei friulani, in questa stagione è stato convocato diverse volte da Sottil, l’ultima la scorsa settimana col Lecce, senza però mai entrare in campo.

Con la maglia azzurra ha compiuto un salto incredibile, passando direttamente dalla selezione Under 17 alla Nazionale maggiore. Con le giovanili ha realizzato ben 4 gol in 5 partite e ora è pronto a mettersi alla prova alla corte di Roberto Mancini, con la speranza di riuscire a esordire in una delle due amichevoli per cui sarà a disposizione, emozione che molto probabilmente il CT gli regalerà.

Pafundi viene descritto come un trequartista molto talentuoso, capace però di svariare su tutto il fronte offensivo. In Primavera ha giocato soprattutto come ala destra, trovando nella scorsa stagione la via della rete per 6 volte e fornendo 7 assist in 14 partite di campionato. Un rendimento davvero importante, che Mancini ha monitorato con cura negli scorsi mesi e lo ha anche convocato per lo stage dello scorso maggio. Dopo aver bruciato le tappe nel settore giovanile dell’Udinese, Pafundi vuole mettersi in mostra anche in Nazionale, e chissà se con l’incedere della stagione non possa trovare spazio in bianconero. Lo scorso marzo ha firmato il primo contratto da professionista, legandosi al club friulano fino al 2024: il suo stipendio non è noto, ma dovrebbe comunque aggirarsi intorno ai 13.000 euro annui.