Scandalo Var in Liga: decisione senza precedenti

var
Fonte: twitter

Scandalo Var nella Liga, decisione senza precedenti nel campionato spagnolo dove una partita rischia di essere giocata di nuovo. 

Cadice-Elche di lunedì sera è finita 1-1, uno scontro-salvezza che ha penalizzato soprattutto i padroni casa e non solo per il risultato, visto che con una vittoria si sarebbero risollevati molto dalle zone basse della classifica.

Invece sono ancora lì al terz’ultimo posto con 16 punti a una lunghezza dalla quart’ultima, il Celta Vigo. Il problema è che il pareggio dell’Elche, arrivato con Ezequiel Ponce (ex meteora della Roma, che non l’hai mai fatto debuttare) è arrivato con un gol in chiaro fuorigioco che nemmeno il Var ha annullato.

Ora il Cadice ha impugnato il verdetto del campo chiedendo di rigiocare la partita dal minuto 81, ovverosia dal momento del gol del pareggio e quindi dall’1-0 in suo favore.

Scandalo Var Spagna la decisione

Cadice che ultimamente è abbastanza preso di mira dal Var visto che nell’ultima partita del 2022 contro l’Almeria un gol che pareva regolare, segnato sempre dai gialli gaditanos, era stato annullato.

Ora questa azione in cui Ponce viene misteriosamente valutato in posizione regolare sia dall’arbitro Del Cerro Grande che dall’addetto al Var, Iglesias Villanueva. La cui scheda su Wikipedia in spagnolo è stata modificata in modo “ironico” mettendo alla voce “professione” invece di arbitro “manipolatore del Var”.

Secondo alcune fonti pare che uno dei due guardalinee, Guadalupe Porras (una donna), si sia messa a piangere nello spogliatoio del Cadice ammettendo l’errore e l’impotenza per non poter cambiare il risultato. Forse un’episodio un po’ gonfiato dalla stampa, ma tant’é.

Periodaccio, l’ultimo, per il Var in Spagna in generale visto che anche in Supercoppa aveva fatto discutere in semifinale l’annullamento di un gol al Barcellona contro il Betis per un fuorigioco di Raphinha (nemmeno l’autore della rete, ma l’uomo da cui si era avviata l’azione pericolosa) per un fuorigioco più che millimetrico. Poi i blaugrana hanno vinto sia la semifinale che la finale contro il Real Madrid, azzerando così le polemiche, ma la situazione scabrosa c’era stata.

La denuncia è arrivata comunque da parte del Cadice ma la speranza che questo si traduca in una ripetizione degli ultimi 10 minuti (più recupero) della partita con l’Elche è ridotta al lumicino. Inutile anche il comunicato stampa ufficiale emesso dalla società andalusa nella serata di ieri con tutta la spiegazione giuridica della loro presa di posizione.

Il punto 2 in tal senso è durissimo. La sollecitudine di rigiocare la partita arriva perché “non si può derubricare questa storia a un mero errore umano, bensì come un grave e manifesto errore tecnico dell’arbitro motivato da una condotta negligente e che non ha scuse da parte del Var”. Rimane comunque un precedente molto spinoso per il calcio non solo spagnolo ma a livello generale.