red bull az alkmaar
Fonte immagine: @AZAlkmaar (Twitter)

Secondo la stampa olandese ci sarebbe un canale di comunicazione Red Bull AZ Alkmaar: la multinazionale austriaca punta all’Eredivisie per espandersi

Dopo aver acquisito, con discrete fortune, il Bragantino in Brasile, Red Bull si prepara a sbarcare anche nel calcio olandese. La notizia è stata lanciata qualche giorno fa dai media locali, che avrebbero testimoniato il forte interesse della multinazionale austriaca nel conquistare anche una fetta di mercato importante come quella che riconduce all’Eredivisie.

Secondo indiscrezioni, i massimi dirigenti di Red Bull avrebbero intrattenuto più di una conversazione con i dirigenti dell’AZ Alkmaar, società che – dal punto di vista strutturale – risponde perfettamente ai parametri ricercati dall’azienda che commercia in bevande energetiche. La città non è enorme ma ha del potenziale, il settore giovanile produce grandi talenti con costanza e, soprattutto, c’è la concreta possibilità di contare su un bacino d’utenza importante.

red bull az alkmaar
Fonte immagine: @AZFanpage (Twitter)

Come procede la trattativa Red Bull AZ Alkmaar

Red Bull AZ Alkmaar potrebbe quindi essere un matrimonio davvero intrigante. Gli olandese, lo scorso anno, stavano per spodestare l’Ajax dal trono di campione prima che la pandemia, con conseguente emergenza sanitaria, interrompesse bruscamente l’Eredivisie. Però la squadra da anni sta giocando un calcio interessante, propositivo e futuribile, soprattutto grazie alle idee di Arne Slot e la prosecuzione del lavoro portato avanti da Pascal Jansen, nominato allenatore a dicembre.

Interpellati dai giornalisti, i dirigenti dell’AZ non hanno voluto commentare quella che a oggi, di fatto, è pure e semplice suggestione, ma in giro per il web si trovano addirittura testimonianze di un incontro tra le parti ancora precedente al più recente. Red Bull AZ Alkmaar potrebbe essere un binomio che funziona, ma prima serve che tutte le tessere possano incastrarsi a dovere.

Leggi anche:  Koopmeiners, l'agente: 'Ama l'Italia ed è pronto per il salto...'

Per esempio, non è affatto scontato che i tifosi accettino l’ingresso degli austriaci in società. L’AZ non è una big storica del calcio olandese, ma ha una sua storia e una sua identità che difficilmente i fan più radicati vorranno “perdere”. Il cambio nome, l’inserimento del logo sulle maglie, la rivisitazione dei colori sociali sono alcuni punti che andrebbero seriamente discussi. Viceversa, l’investimento di ulteriori capitali nel club di Alkmaar porterebbe sicuramente il club a migliorare il proprio status sportivo.

Filosofie che si completano

Va detto che Red Bull AZ Alkmaar, a prescindere dalle considerazioni extra sportive, potrebbe diventare davvero un binomio interessante. D’altronde, se gli austriaci un po’ hanno sempre promosso quelli che sono i valori del club olandese, dall’altra ad Alkmaar possono mettere sul piatto alcune condizioni invidiabili e, con le dovute proporzioni, diventare ciò che per la Germania oggi rappresenta il Lipsia.

In mezzo alle tre giganti, l’AZ – che non vince l’Eredivisie dai tempi in cui in panchina si sedeva Louis van Gaal – spicca per produzione di talento cristallino, posizionandosi in tal senso subito dietro l’Ajax. Inoltre, i biancorossi sono una delle squadre più giovani del campionato e la cosa che impressiona di più è come gli under 23 siano praticamente tutti titolari.

Myron Boadu, Teun Koopmeiners e Calvin Stengs sono solo gli esempi di ragazzi lanciati negli ultimi anni da una società che, parallelamente, sul mercato si è espansa soprattutto in zona Scandinavia, portando in Eredivisie diversi giocatori importanti. Red Bull potrebbe ampliare questo raggio e permettere all’AZ di compiere un altro salto di qualità. Per ora, però, sono solo parole, alle quali vedremo se seguiranno fatti più concreti.

Leggi anche:  Koopmeiners, l'agente: 'Ama l'Italia ed è pronto per il salto...'

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard