mourinho
Fonte immagine: @MirrorFootball (Twitter)

Quella tra José Mourinho e Jurgen Klopp è una sfida che non si gioca soltanto in campo, ma anche davanti alle telecamere. Perché i due non si piacciono? Il portoghese ha la sua opinione

Quello tra Tottenham e Liverpool sarà il big match del ventesimo turno di Premier League. La sfida nella sfida, ovviamente, è rappresentata dal faccia a faccia tra José Mourinho e Jurgen Klopp, due allenatori profondamente differenti tra loro che, reciprocamente parlando, non si sono mai particolarmente amati. Eufemismo, viste le stoccate che non si sono risparmiati tempo addietro.

Sornione e scaltro il primo, più sanguigno e verace il secondo. Alla vigilia della partita, Mourinho è tornato a parlare dello collega. Lo ha fatto a modo suo, prendendo l’argomento alla larga per poi affondare il colpo all’improvviso: “Se dovessi parlare di amicizia, Klopp non è uno di quei nomi che mi verrebbero in mente – ha detto lo Special One – Nuno Espirito Santo lo è, visto che era un mio giocatore. Rodgers anche, visto che abbiamo lavorato insieme”.

“Come possiamo dire se una persona ci piace o meno se non l’abbiamo mai frequentata”? – ha concluso Mourinho. Un giro di parole, quello del portoghese, che punge il rivale in maniera soft ma allo stesso tempo va dritto al punto: “Ovviamente lo rispetto – ha chiosato – non ho problemi con lui e non mi risulta che lui ne abbia con me. Il resto non mi importa”.

mourinho
Fonte immagine: @Soccer_Laduma (Twitter)

Mourinho, ennesima stoccata a Klopp

Dove sarebbe quindi la polemica? Quella che Mourinho ha sparato alla fine della conferenza stampa di presentazione del match: “Certo – ha detto – mi piacerebbe sapere come mai quando io non mi comportavo bene venivo sempre punito, a volte mi mandavano in tribuna altre volte fuori dal campo. Non mi risulta che altri vengano trattati alla stessa maniera”.

Leggi anche:  Il Tottenham di Mourinho è di nuovo in crisi

Mourinho si riferisce ad alcuni atteggiamenti di campo eccessivi tenuti da Klopp, che da buon manager passionale troppo spesso si fa prendere la mano, a tal punto che – soprattutto ultimamente – la sua vivacità si è rivelata di difficile gestione per gli arbitri. Per comprendere meglio uno dei motivi per i quali Mou ha provato ad agitare le acque della vigilia, bisogna però tornare al match di andata giocato a dicembre.

A fine partita i due si scambiarono alcune battute, un mezzo diverbio divenuto subito virale su internet. Cosa si dissero lo raccontò lo stesso Mourinho: “Gli ho fatto presente due cose: la prima, è che aveva perso la squadra migliore. La seconda, che se io avessi tenuto il suo comportamento sarei finito subito fuori”.

Klopp raccolse la provocazione e rispose: “Mourinho non mi sembrava arrabbiato, però quando mi ha detto che ha vinto il peggiore ho pensato mi stesse prendendo in giro. In realtà era serio – ha raccontato il manager tedesco – e mi sono stupito, ma in realtà sa benissimo come sono andate le cose”. Ci sarà un altro round tra i due? Per sapere la risposta non bisognerà attendere molto.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!