Mondiali 2022 Svizzera come gioca: modulo e calciatori

La Svizzera potrebbe essere una delle outsider dei Mondiali 2022. Ma come giocano gli elvetici e quali sono i giocatori più importanti?

Quarti di finale agli ultimi Europei e primo posto nel girone di qualificazione ai Mondiali, tra l’altro davanti all’Italia. Questo è il biglietto da visita con cui la Svizzera si presenterà a Qatar 2022. Insomma, si può dire che gli elvetici potrebbero essere una delle outsider e delle squadre rivelazione della rassegna iridata.

Va detto però che le avversarie del gruppo, ossia Brasile, Serbia e Camerun, saranno fin da subito un ostacolo non di poco conto da superare. Ma quali sono i punti di forza della Nazionale allenata da Yakin?

Mondiali 2022 Svizzera: cosa sapere sugli elvetici

Sommer tra i pali, Xhaka a centrocampo ed Embolo in attacco: questi i giocatori simbolo dei rosso crociati. Tra l’altro il centrocampista, che indosserà la fascia da capitano, è letteralmente rinato in questa stagione ed è tra i trascinatori dell’Arsenal primo in classifica in Premier League. Il Mondiale per lui, a ormai 30 anni, è la grande occasione per prendersi definitivamente la scena internazionale. Al di là della stella, tra i convocati spiccano anche due “italiani”: Ricardo Rodriguez del Torino e Aebischer del Bologna.

Ma quale sarà il modulo su cui dovrebbero puntare il commissario tecnico Yakin? Sicuramente il punto di forza potrebbe essere la concretezza. Concretezza pienamente e perfettamente rappresentata da un 4-2-3-1, dove però non si rinuncia allo spirito offensivo. Sulla trequarti tra l’altro ci sarà l’eterno Shaqiri, che con la sua esperienza potrebbe fare la differenza. A centrocampo occhi puntati su una vecchia conoscenza della Serie A, ossia Remo Freuler.

E in attacco? Oltre a Embolo, che ha trovato una certa continuità con il Monaco, c’è l’esperto Seferovic. La vera novità e sorpresa però potrebbe essere Noah Okafor, giovane centravanti del Red Bull Salisburgo, che sta facendo gol a grappoli nel campionato austriaco. E chissà che non possa essere lui a risultare decisivo a partita in corso. La Svizzera è davvero pronta a stupire.