La Roma sceglie il portiere del futuro: tutto pronto per Mile Svilar

La Roma ha scelto Mile Svilar come suo futuro portiere: ecco tutto ciò che dovete sapere sul giovane estremo difensore serbo dei giallorossi.

Un acquisto a parametro zero con vista sul futuro: ecco come descrivere, nella maniera più veloce possibile, quello che la Roma ha visto in Mile Svilar, 22enne portiere serbo con cittadinanza belga attualmente sotto contratto con il Benfica.

Superata la concorrenza della Real Sociedad, il club giallorosso ha già svlto le visite mediche con il suo nuovo giocatore, che nei prossimi giorni firmerà ufficialmente il contratto. Dietro il successo dell’operazione, com’è facile immaginare, c’è il forte interesse di José Mourinho.

Chi è Mile Svilar

Nato nel 1999 ad Anversa, in Belgio, Mile Svilar ha ereditato il ruolo di portiere dal padre Ratko, che negli anni Settanta fu una bandiera del Vojvodina, prima di trasferirsi in Belgio all’Anversa. Nove volte nazionale jugoslavo, il vecchio Svilar è poi diventato un idolo della tifoseria belga, al punto da diventarne anche allenatore negli anni Novanta.

Ma Mile non ha iniziato a giocare lì, bensì nel più quotato Anderlecht, emergendo dal settore giovanile nella stagione 2016/2017. Ma le cose migliori, il giovane estremo difensore d’origine serba, le ha fatte vedere nelle selezioni giovanili del Belgio, con cui si è qualificato all’Europeo U21 del 2019.

Nel 2017 è passato al Benfica, divenendo una delle prime scelte del nuovo direttore sportivo delle Aguias Tiago Pinto, oggi proprio alla Roma. Purtroppo, dal suo arrivo in Portogallo la carriera del talento serbo-belga ha rallentato: prima parcheggiato nella squadra B, Svilar ha avuto veramente poche occasioni con la formazione maggiore, e contemporaneamente ha perso il posto in Nazionale. Nell’autunno 2021, quindi, ha deciso di optare per la squadra maggiore della Serbia, con cui è sceso in campo a settembre.

Mile Svilar, come gioca

Le doti del nuovo portiere della Roma sono indubbie, e in suo favore pesano soprattutto gli endorsement di Mounrinho e Tiago Pinto. La disponibilità a parametro zero e l’ingaggio ancora basso, viste le poche occasioni ad alto livello, rendono questo affare un’interessante scommessa per il club giallorosso.

La prima preoccuopazione sarà quella di fargli recuperare fiducia in se stesso e rilanciarlo nel calcio che conta, dopo che anche in quest’annata ha giocato prevalentemente con la squadra B del Benfica. Per cui, al momento appare difficile pensare che, nella prossima stagione, Mile Svilar possa togliere il posto da titolare a Rui Patricio.

Ma se le cose dovessero andare per il meglio, il nuovo estremo difensore romanista potrebbe rivelarsi una pedina preziosa per il futuro, soprattutto considerando anche l’età avanzata del portoghese che oggi difende i pali della squadra di Mourinho (34 anni, con contratto in scadenza nel 2024).

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI