HomeCalciomercatoChi è Filip Marchwinski, il talento polacco che piace al Milan

Chi è Filip Marchwinski, il talento polacco che piace al Milan

Giovane, estroso, low cost: alla scoperta di Filip Marchwinski, il nome nuovo individuato da dirigenti del Milan per rinforzare la trequarti rossonera

Si chiama Filip Marchwinski, è giovane, polacco e, secondo quanto riportato dai media locali, è uno dei nuovi obiettivi del Milan. I rossoneri stanno costruendo la squadra del futuro e, quando ci si imbatte in un prospetto di grande qualità come lui, è giusto drizzare le antenne. Marchwinski è finito di recente sul taccuino di Moncada e, guardando come si muove per il campo, non è difficile intuirne i motivi.

Il ragazzo originario di Poznan è la stellina del Lech, principale realtà della piccola perla polacca, famosa per il turismo a basso costo e la birra. Classe 2002, vorrebbe finalmente partire dopo che in passato diversi club europei si erano seriamente interessati a lui. Il Lech Poznan vorrebbe monetizzarlo al massimo ma, già negli ultimi tempi, Marchwinski ha fatto capire che la Estraklasa comincia a stargli stretta.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FM (@filipmarchwinski)

Marchwinski – Milan: i costi dell’operazione

Il 19enne del Lech Poznan è sicuramente il polacco più richiesto tra quelli della nuova generazione di talenti locale. Infatti, il club valuta Marchwinski almeno 10 milioni di euro, una cifra abbastanza alta se si considerano età e soprattutto il fatto che il ragazzo attualmente ha sì fatto vedere grandi cose, ma non in un contesto di primissimo piano.

Ma non ha importanza: la valutazione è pressappoco questa, al fronte di un contratto in scadenza nel 2023 che Marchwinski ha prolungato, con relativo ritocco al rialzo dell’ingaggio, circa un anno fa. Proprio le cifre dell’eventuali stipendio stuzzicano il Milan, che sta portando avanti una politica improntata sulla ricerca e conseguente valorizzazione dei giovani, cercando parallelamente di abbassare il monte ingaggi.

Piace a mezza Europa

Filip Marchwinski ha davvero tanti estimatori: solo nell’ultimo anno il polacco è stato molto vicino a vestire i colori del Torino. I granata, infatti, lo avevano cercato la scorsa estate, arrivando a offrire circa 4 milioni di euro al Lech Poznan. Troppo poco, anche perché poi i polacchi erano consapevoli di avere dalla loro una vetrina importante coma la fase a gruppi di Europa League.

Dove, per inciso, Marchwinski si è messo ampiamente in mostra, giocando tutte e sei le partite e attirando ulteriormente su di sé le sirene di mezzo continente. Nonostante la giovanissima età, il numero 11 biancoblu ha già totalizzato quasi 60 presenze con la sua squadra, militando contestualmente in tutte le nazionali giovanili polacche. Insomma, davvero un grande prospetto, al quale si sono interessati varie big inglesi, Ajax, Borussia Dortmund e Benfica.

marchwinski
Fonte immagine: @rossonero_fans (Twitter)

Chi è Marchwinski, caratteristiche tecniche e ruolo

Il suo agente è Giovanni Branchini e, proprio per questo, Marchwinski potrebbe avere un ponte prioritario con l’Italia. Si tratta di un trequartista ambidestro, fisicamente ben sviluppato – sfiora i 190 centimetri di altezza -, con una tecnica di base e una visione di gioco invidiabili. Nel Lech Poznan ha ricoperto un po’ tutte le posizioni dal centrocampo in su.

Infatti, se Marchwinski ama principalmente giostrare dietro le punte, lo si è visto talvolta partire anche da esterno – destro o sinistro, l’importante è che abbia spazio per colpire – ma anche da mezzala di costruzione. L’importante è lasciargli giocare il pallone, che smista con sicurezza e imbuca con ottimo tempismo. In un 4-2-3-1 si trova particolarmente a suo agio e il Milan, squadra e realtà in ottima salute, potrebbe aiutarlo a spiccare il grande salto.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti