Manolo Portanova condannato per stupro: cosa è successo

manolo portanova
Fonte: Image Photo

Manolo Portanova è stato condannato in primo grado per stupro a 6 anni di prigione. Quali sono le accuse contro il 22enne giocatore del Genoa?

Alla fine è arrivata la condanna per Manolo Portanova. Il centrocampista del Genoa di 22 anni era sotto processo per violenza sessuale su una ragazza, e oggi martedì 6 dicembre si è tenuta l’udienza per il primo grado di giudizio, che ha sancito la condanna del giocatore.

Portanova, figlio dell’ex-difensore di Siena e Bologna Daniele Portanova, è stato condannato a 6 anni di prigione e a 130.000 euro di risarcimento: 100.000 alla vittima, 20.000 alla madre di quest’ultima e 10.000 all’associazione parte civile Donna. Adesso avrà modo di ricorrere in appello, per cercare di ribaltare la sentenza in un nuovo giudizio.

Manolo Portanova: l’accusa di stupro, cosa è successo

I fatti risalgono alla notte tra il 30 e il 31 maggio 2021, quando Manolo Portanova e altri tre amici (suo zio e quasi coetaneo Alessio Langella, l’amico Alessio Campiello, e suo fratello minore William Portanova) si incontrarono con la vittima a una festa in un appartamento vicino piazza del Campo a Siena. Portanova e la ragazza si frequentavano da tempo, e lui l’aveva invitata alla festa, alla quale lei si era presentata assieme a un’amica.

Alla festa, la vittima si era appartata con Portanova per consumare un rapporto sessuale, ma i due era stati raggiunti dai tre amici del calciatore. La ragazza aveva cercato di allontanarli, ma senza successo. In quel frangente, aveva mandato un messaggio all’amica scrivendole: “Mi stanno molestando”.

Successivamente, la ragazza è stata violentata da tutti e quattro gli uomini presenti nella stanza, che hanno anche scattato fotografie e girato video del crimine (alcune di queste immagini sono state poi cancellate, altre sono state presentate al processo). Dopo lo stupro, la vittima ha confessato la violenza all’amica, e il giorno seguente ha fatto lo stesso con alcuni famigliari. Gli esami medici hanno successivamente confermato segni di violenza. Il 4 giugno, la ragazza ha presentato denuncia presso la Polizia di Siena.

La difesa di Portanova non ha mai negato che ci sia stato un rapporto sessuale tra i quattro e la ragazza, ma ha sostenuto che fosse di natura consensuale. Il calciatore ha anche offerto un risarcimento alla vittima, la quale ha rifiutato i soldi. Nel frattempo, Portanova è anche stato intervistato dal Secolo XIX, esponendo al sua versione dei fatti e sostenendo che, a causa dello scandalo, ha perso il suo posto in Nazionale U21 (nella quale però ha ricevuto pochissime convocazioni).

Nelle ultime due stagioni, il Genoa ha continuato a farlo regolarmente giocare, sia l’anno scorso in Serie A che più di recente in Serie B, a differenza di quanto avvenuto all’estero con i casi di Benjamin Mendy e Mason Greenwood.