HomeIntervisteMaicon torna in Italia a 39 anni? "Ha una voglia pazzesca"

Maicon torna in Italia a 39 anni? “Ha una voglia pazzesca”

Maicon, terzino ex Inter eroe del triplete nel 2010, sta valutando una proposta di lavoro: può tornare a giocare in Italia ripartendo dalla Serie D

Un eroe del triplete può tornare in Italia. Ne sarà felice l’Inter, che ha abusato, per anni, dei suoi sprint sulla destra. Maicon Douglas potrebbe riprendere a correre, all’età di 39 anni, in Serie D, al Sona, società in provincia di Verona. Una suggestione di mercato legata alla volontà del terzino brasiliano di tornare in Italia per diversi motivi. Ritroverebbe tanti amici legando l’affetto per il nostro paese – nel quale ha giocato per tantissimi anni – a interessi personali che lo vedono coinvolto.

Claudio Ferrarese, centrocampista che in carriera ha vestito le maglie di Napoli e Verona, oggi direttore sportivo della società in questione, racconta com’è nata un’idea che può trasformarsi in un sogno collettivo: “Si tratta di un miracolo e non voglio sbilanciarmi – le sue parole a Minuti di Recupero -, anzi si sta già facendo troppo rumore, ma sarebbe bellissimo se lui tornasse in Italia. Gli ho prospettato la possibilità di venire a giocare da noi per 4-5 mesi a partire da dicembre e lui ci sta pensando. Presto ci darà una risposta”.

Belotti-Torino: è arrivata l’ora di separarsi

Maicon al Sona: come nasce l’idea

Maicon, oggi, gioca col Villa Nova, in Brasile. Il suo allenatore è l’ex Roma Mancini. “Domenica ha l’ultima partita e poi aspettiamo la sua risposta” rivela Ferrarese, che racconta nel dettaglio com’è arrivato a trattare personalmente con Maicon: “Ci siamo sentiti tramite un membro del suo entourage. So che lui tornerà in Italia, ha delle faccende personali che lo legano al nostro paese. Così gli ho prospettato l’idea di venire a giocare da noi da dicembre e fino al termine del campionato. Sarebbe un sogno, un miracolo. Lui ci sta pensando. Non è impossibile dica sì, ma non voglio sbilanciarmi o illudermi. Parliamo di un campione assoluto”.

Wilfried Singo, giovane treno sulla fascia del Torino

Maicon appartiene a quella generazione di calciatori che non si voltano indietro: “Anche a 39 anni mi ha dimostrato un entusiasmo pazzesco – dice Ferrarese – e so per certo che lui, nel caso, da noi, si divertirebbe tantissimo. Magari qualcuno pensa sia una follia, invece è una cosa bella. Lui ha ancora voglia di giocare e poi in Italia avrebbe la possibilità di rivedere tante persone che conosce e che ha amato nel corso dei suoi trascorsi in Serie A. Allora mi chiedo: perché no?”.

I suoi dubbi, i suoi ragionamenti, sono privati: “Ovviamente non abbiamo parlato di soldi, non ce ne sarebbe neppure bisogno. Lui accetterà solo dopo aver fatto tutte le valutazioni del caso. Per noi sarebbe bellissimo, Maicon in squadra rappresenterebbe una crescita pazzesca per i ragazzi. Aspettiamo…”

Perché Theo Hernandez non viene convocato in Nazionale

L’eroe del Triplete per far sognare la Serie D

Non era Cafù ma ci somigliava, Maicon, quando sfrecciava sulla stessa corsia. La Serie A lo ha conosciuto nel 2006 quando l’Inter lo ha prelevato dal Monaco. Nel 2010, con Mourinho in panchina, il brasiliano ha vinto tutto: è uno degli eroi del triplete, era un calciatore unico nel suo genere, ha legato il suo nome alla maglia dell’Inter e, in Europa, anche di Manchester City e Roma. Terzino, esterno, attaccante.

Sapeva fare tutto con eleganza nei piedi e una straripante forza fisica. Assist, gol, cavalcate. Col sorriso e l’entusiasmo tipici dei calciatori brasiliani. Uno dei calciatori a cui gli interisti si sono maggiormente legati. Non sorprende, per questo, l’ultimo avvincente colpo di scena: all’età di 39 anni, pur tra i dilettanti, divertendosi, non ha alcuna intenzione di fermarsi. Correrà finché ci sarà un pallone da inseguire.

Articoli recenti