HomeCalciomercatoLukaku potrebbe davvero andare al City?

Lukaku potrebbe davvero andare al City?

Romelu Lukaku è il nuovo obbiettivo del Manchester City. Secondo quanto riportato in Inghilterra da The Athletic, il centravanti dell’Inter sarebbe il prediletto di Guardiola per sostituire Sergio Aguero

Destinato a far rumore, l’interessamento dei blues di Manchester fa tremare i tifosi nerazzurri. 

Lukaku e il City: cosa c’è di vero? 

Partiamo necessariamente da Lukaku: il belga si trova benissimo a Milano, dove in Conte ha trovato un allenatore in grado di tirar fuori il meglio da lui, e una squadra che ruota intorno alle sue caratteristiche. 

I tantissimi con la maglia dell’Inter non sono arrivati per caso, ma sono frutto di un sistema che mette Lukaku nelle migliori condizioni per esprimersi, e permette alle sue caratteristiche di esaltarsi. 

Per questo, dal punto di vista meramente tecnico privarsi di Lukaku – anche se per un ingente somma di denaro – sarebbe un grande passo indietro per l’Inter che con l’arrivo della coppia Lukaku – Conte ha espressamente iscritto il proprio nome alla corsa scudetto. 

C’è però anche il Manchester City da valutare e – secondo quanto riportato da David Ornstein sempre sulle pagine di The AthleticGuardiola avrebbe espressamente parlato di lui come centravanti del futuro del City. 

Certo, da qui a ipotizzare una trattativa il passo è ancora lungo, ma con Aguero ormai ai margini della rosa (il Kun ha già annunciato l’addio al club) e un reparto offensivo da ricostruire, Lukaku potrebbe rispondere a tutte le richieste di Pep. 

Inoltre, i 113 gol in Premier League rappresentano un ottimo biglietto da visita, così come la presenza di Pastorello della P&P Sport Management come agenti di Lukaku. 

I problemi in casa Inter

Non tutte le suggestioni di mercato sono però destinate a diventare realtà e per questo l’Inter non ha alcuna intenzione di privarsi del proprio centravanti, nonostante il suo valore – 90 milioni di euro – sia lievitato rispetto all’estate del suo ingaggio (65 milioni) dal Manchester United.

Sono i problemi in casa Suning a destare dei timori tra i tifosi: le notizie delle ultime settimane riportano la possibile cessione di parte – o della totalità – delle quote della società, e in caso di arrivo di nuovi proprietari non è possibile prevedere quale sarà l’orientamento sul mercato dell’ipotetica nuova dirigenza. 

Leggi anche: Tutto quello che c’è da sapere sulla cessione dell’Inter

L’apparato sportivo potrebbe essere sostenuto con nuovi investimenti, così come smantellato per far spazio alla regolazione dei conti e del bilancio. Sotto questo aspetto Lukaku – insieme ad Eriksen – è il calciatore che prende di più nella rosa dell’Inter (7,5 milioni netti all’anno) e una sua partenza potrebbe alleggerire le casse di una squadra in rivoluzione, oltre a portare una sostanziale plusvalenza utile per il bilancio. 

Che succede quindi? 

Ad oggi non c’è niente di certo: il City ufficialmente – Guardiola dixit – non prenderà nessunbo davanti mentre Aguero saluterà la compagnia e dovrà trovarsi una nuova sistemazione. 

L’intreccio di mercato, con al centro il domino delle punte, non è destinato a concludersi facilmente: Pochettino, da poche settimane nuovo allenatore del Paris Saint Germain, sta valutando l’ipotesi Lukaku per la maglia numero nove poiché il Tottenham ritiene incedibile Harry Kane, mentre il futuro di Messi rimane sullo sfondo come una suggestione stupenda che metterebbe in moto una reazione a catena difficilmente prevedibile. 

Per ora quindi Lukaku è e resterà un giocatore dell’Inter, nell’attesa che si sappia qualcosa di più riguardo il futuro della società e che la stagione prosegua come previsto. 

 

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: Instagram, Facebook, Twitter e Flipboard!

Simone Mannarino
Simone Mannarino
Classe '94 e laureato in Storia all'Università Statale di Milano, ama il calcio in ogni sua forma ed espressione. Alla costante ricerca di storie da raccontare che permettano di andare oltre ciò che vediamo tutte le domeniche.

Articoli recenti