HomeCalcio EsteroLa Liga sotto la neve: disagi e avventure del week end

La Liga sotto la neve: disagi e avventure del week end

La Liga e la Spagna sono sotto la neve. Una condizione inaspettata nella penisola iberica che ha creato non pochi disagi anche ai campionati. 

Una tempesta di nome Filomena, 50 centimetri di neve in tutta la Spagna e aeroporti e strade completamente chiuse. Queste le premesse per un week end di Liga complicato e innevato. 

Liga innevata: i disagi

Partiamo dall’unico match rimandato del week end: Atletico Madrid-Athletic Bilbao è stata rimandata a data da destinarsi proprio a causa di Filomena, la tempesta che imperversa da giorni sulla capitale – e non solo – bloccando l’aeroporto di Madrid Barajas e impendendo così l’arrivo dei baschi a Madrid. 

La Federcalcio spagnola ha così commentato: 

“Di fronte alla situazione eccezionale causata dalla tempesta che sta attraversando gran parte della penisola iberica, che ha causato la chiusura dell’aeroporto di Madrid-Barajas per tutta la giornata di oggi e l’impossibilità di avere un campo di gioco in condizioni ottimali. La Liga, dopo aver consultato i due club, ha deciso la sospensione dell’incontro tra Atlético Madrid e Athletic Bilbao”.

La gara, in programma per sabato 9 gennaio alle 16.15, è stata rimandata a data da destinarsi, mentre il Real Madrid attendeva la decisione sulla propria trasferta di Pamplona per giocare contro l’Osasuna. 

Osasuna – Real: Zidane infuriato

Dall’altra parte di Madrid, i cugini Blancos dell’Atletico, oggi a meno uno in classifica, hanno discusso per l’ennesima volta con la Liga a causa della trasferta prevista per la serata di sabato scorso. 

Dopo varie ore trascorse all’aeroporto di Madrid, il Real Madrid è finalmente riuscito a partire in direzione Pamplona raggiungendo il proprio hotel a mezzanotte, dopo aver giocato la gara. 

Zidane, infuriato con l’organizzazione, ha così commentato: “Non sono scuse per il pareggio, sia chiaro. Ma non si poteva giocare oggi, e questo è il risultato. Tutti vogliamo vedere una partita di calcio, ma oggi non c’erano le condizioni.” 

Un pareggio, quello dei Blancos, accolto dal quotidiano di Madrid AS con ironici titoli collegati alla situazione “Madrid congelato”, “Congelati!”, “Ipotermia attacco”. Ora la squadra di Zidane si trova a -1 dall’Atletico Madrid nella classifica della Liga ma con tre partite in più rispetto alla squadra di Simeone. Un tesoro per i Colchoneros che potrebbero allungare fino a trovarsi a +10. 

Ennesimo disagio per il Real? Il rientro a casa. Non potendo ritornare immediatamente a Madrid, i giocatori, lo staff e l’allenatore si sono spostati in direzione Malaga, dove giovedì giocheranno la semifinale di Super Coppa contro il Bilbao. 

Una vera Odissea, e meno male che Sergio Ramos fletteva i muscoli a Valdebebas qualche giorno fa. 

Disagi innevati della Liga 

Ma non si ferma certo alle due principali squadre di Madrid il disagio causato dalla nevicata più ingente nella storia recente spagnola: Elche – Getafe si è giocata 24 ore dopo rispetto a quanto calendarizzato, con i giocatori del Getafe costretti a giungere a destinazione con Uber messi a disposizione dalla Liga. In un Tweet si può notare come anche il loro viaggio non sia stato facile: 

Come loro, pure Valencia e Betis Siviglia – entrambe vincenti in trasferta – hanno dovuto fare i conti con viaggi resi quasi impossibili dalla nevicata. Tanto da costringere anche Manuel Pellegrini, allenatore del Betis, a parlare di “irresponsabilità” nei confronti della Liga che ha permesso simili rischi. 

Liga Segunda: rinvio quasi totale

Dodici gare rimandate in Segunda invece, dove i mezzi per spostarsi sono sicuramente minori e gli introiti (televisivi e non) per le singole partite non giustificano un rischio simile. 

Tra quelle rinviate ecco Leganés-Almerí­a e Alcorcán-Albacete, come la visita del  Fuenlabrada allo Sporting Gijón è stata rifiutata. In questo caos di rinvii, non è stata considerata la trasferta dell’Unionistas de Salamanca a Ferrol, nel sud della Spagna, in Segunda B. Un viaggio di 920 chilometri tra andata e ritorno che ha però corrisposto a tre punti per la squadra del nord. 

Rayo Vallecano spazzaneve 

Una delle avventure – o forse sarebbe meglio dire disavventure – più caratteristiche è accaduto al Rayo Vallecano, in viaggio verso Miranda de Ebro per affrontare il Mirandes. 

I suoi calciatori, con Mario Suarez in testa, si sono trovati a dover spingere le macchine sull’autostrada per favorire la viabilità del traffico, fin quando la Liga ha poi deciso di rimandare il match dopo aver visto che la squadra aveva percorso 5 chilometri in appena mezz’ora. 

Panda 4X4

L’ultimo episodio citabile come divertente risale a questa mattina, quando tutti i giocatori dell’Atletico sono stati riforniti di auto 4×4 per essere portati al campo di allenamento e affrontare così la nevicata di Madrid, meno Yannick Carrasco. 

Il belga, insieme a Lemar, Vrsaljko ed Hermoso si è fatto prestare una Panda 4×4 del 1983 dal vicino e ha raggiunto l’allenamento grazie alla macchina della Fiat che “è buona sul ghiaccio”. 

Un siparietto divertente legato anche a dei video ormai diventati virali, sollievo dopo un week end in cui la Liga – e la Spagna –  è stata messa molto sotto pressione. 

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: Instagram, Facebook, Twitter e Flipboard!

Simone Mannarino
Simone Mannarino
Classe '94 e laureato in Storia all'Università Statale di Milano, ama il calcio in ogni sua forma ed espressione. Alla costante ricerca di storie da raccontare che permettano di andare oltre ciò che vediamo tutte le domeniche.

Articoli recenti