lerager
Fonte immagine: @lerager12 (Instagram)

Il Verona è al lavoro per sistemare le mancanze della squadra. Asse di mercato caldo con il Genoa: in arrivo Sturaro e Lerager

Nel calcio, come nella vita, le amicizie sono importanti e possono risolverti parecchi problemi. Uno dei rapporti più lunghi e duraturi della Serie A è quello tra Enrico Preziosi e Maurizio Setti. Il presidente del Genoa è legato al collega carpigiano, imprenditore e soprattutto proprietario di un Verona che, in questo mercato di gennaio, attingerà ancora sotto la Lanterna per puntellare la rosa.

Era già successo un anno fa, quando un blocco di genoani si trasferì all’ombra dell’Arena con ottimi risultati. Così Setti ha deciso di replicare, su imbeccata del suo direttore sportivo D’Amico, per andare a puntellare la rosa di Juric, che per i risultati messi insieme fino a oggi si è decisamente meritato i tanto agognati rinforzi.

Il reparto sul quale il Verona metterà maggiormente mano sarà il centrocampo, dove arriveranno almeno due profili nuovi di zecca. Il primo, che potrebbe essere ufficializzato già nelle prossime ore, è Stefano Sturaro, che al Genoa non sta più trovando spazio. Assieme a lui dovrebbe arrivare anche Lukas Lerager, interessante trottolino danese classe 1993 che, almeno sulla carta, potrebbe avere le carte in regola per rilanciarsi sotto la guida di Juric.

lerager
Fonte immagine: @lerager12 (Instagram)

Perché il Verona deve modellare la mediana

Il Verona ha una rosa da sistemare, ma è il centrocampo il reparto che preoccupa maggiormente. Se infatti davanti si sta cercando di ottimizzare le risorse già a disposizione, in mezzo Juric deve fare i conti con due calciatori lungodegenti come Marco Benassi e Ronaldo Vieira. Il primo non ha nemmeno mai esordito e, a giorni, potrebbe rientrare a Firenze in anticipo, mentre l’ex Sampdoria aveva cominciato bene la stagione prima di fermarsi per un noioso infortunio che ancora oggi lo costringe ai box.

Leggi anche:  Federico Dimarco è un rimpianto per l'Inter?

A far da contraltare va registrato il rientro alla base del brasiliano Bessa, mandato in campo nell’ultimo match di campionato, ma il Verona non può permettersi di dipendere dalle lune di un calciatore che, già in passato, si era dimostrato inaffidabile. Ecco che quindi Sturaro e Lerager possono diventare delle soluzioni interessanti, perché se l’ex Juventus si porta dietro qualche incognita fisica, Lerager è integro e pronto a dare il proprio apporto alla causa sin da subito.

lerager
Fonte immagine: @buoncalcio (Twitter)

Lerager, dinamismo e sostanza per l’Hellas

Sturaro lo si conosce molto bene vista la lunga militanza in Serie A. Lukas Lerager, invece, è meno famoso rispetto al collega. Classe 1993, è arrivato in Italia nell’inverno del 2019 quando il Genoa, staccando un assegno da 6 milioni di euro, se lo assicurò dal Bordeaux. Lo scorso anno Lerager è riuscito a mettersi in mostra nonostante le solite difficoltà gestionali del Grifone, mentre quest’anno è uno dei pochi ad aver giocato con grande continuità.

Cresciuto in un piccolo club dei sobborghi di Copenaghen, ha militato nel Viborg e poi è migrato in Belgio, prima che il Bordeaux lo strappasse allo Zulte Waregem per poco meno di 4 milioni di euro. Lerager può diventare un’arma interessante in mano a Juric: durante la sua esperienza al Genoa, il danese si è mosso in più posizioni.

Il suo ruolo principale rimane quello di centrocampista centrale, che ama giocare a due proprio come l’Hellas attuale, ma all’occorrenza si può muovere da mezzala e, ultimamente, lo si è visto avanzare di posizione fino a piazzarsi da trequartista. Juric potrebbe lavorarci su come fatto con Zaccagni, Pessina e Verre, avvicinandolo alla porta avversaria e permettendogli di incidere in zona gol. Il danese, dalla sua porterebbe in dote qualità nelle incursioni e negli inserimenti senza palla, altro leit motiv del gioco del croato. Ergo, Lerager al Verona è un’opportunità interessante, soprattutto a cifre contenute.

Leggi anche:  Federico Dimarco è un rimpianto per l'Inter?

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard