HomeCalciomercatoLazio e indice di liquidità: perché Lotito non può fare mercato?

Lazio e indice di liquidità: perché Lotito non può fare mercato?

Abbiamo già parlato dell’indice di liquidità e di quanto questo aspetto stia influendo in maniera molto pressante e inaspettatamente decisiva sul calciomercato della Serie A di questa stagione. In particolare, sono due le squadre che sembrano incontrare le maggiori difficoltà in tal senso: la Sampdoria e la Lazio.

Ovviamente il caso dei biancocelesti fa molto più rumore. Non solo perché il mercato doriano, inevitabilmente, non sembra avere – almeno all’apparenza – le ambizioni di quello del club di Lotito. Ma anche per via del fatto che, dopo l’investimento fatto con Sarri in panchina, in molti tra i tifosi biancocelesti speravano in un mercato notevole per accontentare il nuovo tecnico. Per adesso, però, tutto è stato quasi nel segno dell’immobilismo. E uscire da questa situazione, non sembra così facile.

Leggi anche | Asta fantacalcio, cinque grosse differenze con il 2020

Lazio e indice di liquidità, perché il club non riesce a fare mercato?

Il già citato indice di liquidità è rappresentato dal rapporto tra Attività Correnti e Passività Correnti, quindi AC/PC. Questo particolare rapporto consente di capire se un club può sostenere le spese per poter pagare i debiti contratti con i propri creditori. Al momento la Lazio soffre particolarmente questa regolamentazione (introdotta dalla FIGC nel 2015) per via dell’abbassamento del limite massimo, che quest’anno è a 0,8 (0,6 per la sessione estiva, data la pandemia di COVID-19).

Di conseguenza, la Lazio finora – pur avendo di fatto già chiuso alcuni colpi – non può comprare o ufficializzare operazioni perché evidentemente il limite imposto al momento viene superato. In pratica, quindi, il club di Lotito si sta ritrovando con il calciomercato estivo momentaneamente bloccato.

Lazio e indice di liquidità, la soluzione

Fondamentalmente, l’unica strada maestra che la Lazio può seguire per superare questa situazione è quella di vendere a caro prezzo qualche giocatore della rosa. In particolare sembra che il più vicino alla cessione possa essere Joaquin Correa, esterno che pare sia stato selezionato dall’Inter per sostituire (seppur in un ruolo diverso) Lukaku e raggiungere il suo ex tecnico Simone Inzaghi anche in nerazzurro.

Leggi anche | Asta Fantacalcio, 5 calciatori pronti al riscatto

Fino a quando la Lazio non venderà Correa o chi per lui, però, altri colpi (come per esempio Basic e Kostic) non potranno essere ufficializzati. Dopo una cessione eccellente invece, con ogni probabilità, il mercato estivo della Lazio si sbloccherà e, dopo gli acquisti di Felipe Anderson, Elseid Hysaj e Dimitrije Kamenovic, probabilmente potrebbe arrivare qualche altro colpo alla corte di Maurizio Sarri.

In ultimissimo termine, il presidente Lotito – come riportato da Il Messaggero – potrebbe decidere di effettuare un’immissione di liquidità nelle casse societarie per ovviare al problema. Tale soluzione però verrebbe presa solo in caso di estrema emergenza. Lotito infatti confida di poter vendere Correa ad almeno 30-40 milioni di euro per ottenere poi i soldi necessari al fine di chiudere altri acquisti.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Avatar
Claudio Agave
Giornalista pubblicista dal 2017. Direttore della testata theWise Magazine, redattore per il sito gonfialarete.com, scrittore. "Il calcio é la cosa più importante delle cose meno importanti"

Articoli recenti