HomeCalciomercatoChi è Kouadio Koné, il centrocampista che piace al Milan

Chi è Kouadio Koné, il centrocampista che piace al Milan

Continua la grande pesca in Francia del Milan: dopo Kalulu e Simakan, i rossoneri puntano forte su Kouadio Koné del Tolosa

Non solo Mohamed Simakan. Il Milan ha deciso di investire un bel po’ di soldi in Francia in questo mercato di gennaio: il nuovo obiettivo rossonero è infatti Emmanuel Kouadio Koné, centrocampista del Tolosa attualmente impegnato nella seconda divisione transalpina. La dirigenza, probabilmente imbeccata dalla fantomatica lista segreta di Moncada, sta provando ad affondare il colpo per sottrarlo rapidamente alla concorrenza.

Non sarà facile, perché il club biancomalva parte da una base di 10 milioni di euro e, qualora dovessero sopraggiungere altre offerte, è ovvio che il Milan si ritroverebbe a dover rilanciare. Eppure Kouadio Koné, almeno da ciò che si legge in giro, viene spacciato per priorità, perché trovare giocatori giovani ma già pronti per dare il loro contributo in campo non è affatto facile.

kouadio koné
Fonte immagine: @insidemercato (Instagram)

Kouadio Koné, talento precoce

Nato nel maggio del 2001, Emmanuel Kouadio Koné ha letteralmente scalato le tappe, esordendo giovanissimo nella prima squadra del Tolosa. Con la quale, a oggi, ha già giocato più di 30 partite. Certo, crescere in uno dei settori giovanili più importanti del mondo lo ha sicuramente facilitato, ma arrivarci non è stato facile vista l’infanzia complicata vissuta nella periferia di Parigi. Lì, Kouadio Koné si è diviso tra Paris FC e Boulogne-Billancourt, perché il PSG già da ragazzino aveva provveduto a scartarlo.

Il Tolosa ha annusato l’affare e ha deciso di portarselo nel proprio centro di formazione. A 18 anni appena compiuti, “Manu” aveva già esordito in Ligue 1, togliendosi qualche soddisfazione e attirando le attenzioni su di sé, pur non riuscendo ad aiutare la squadra a raggiungere la salvezza. Quest’anno è titolare inamovibile e, oltre al Milan, pare che anche il Leeds di Marcelo Bielsa stia provando a convincere i francesi ad allentare le resistenze.

Somiglia a Pogba

In questi anni, nei quali si è messo in mostra anche con la maglia delle giovanili della Francia, Emmanuel Kouadio Koné è sempre stato considerato come uno dei fiori all’occhiello del vivaio del Tolosa, dominando peraltro anche l’ultima Coppa Gambardella, torneo dedicato ai migliori talenti del calcio transalpino.

Chi lo conosce bene, lo paragona a Paul Pogba per struttura fisica ma, soprattutto, per l’attitudine che mette in campo. Caratterialmente molto forte, Kouadio Koné traduce in campo tutta la rabbia repressa messa insieme durante gli anni più difficili a Parigi, dai quali però è germogliata la determinazione che lo ha portato a diventare uno dei calciatori più cercati tra le nuovi proposte francesi.

kouadio koné
Fonte immagine: @manu_kn (Instagram)

Chi è Kouadio Koné: caratteristiche tecniche e ruolo

Centrocampista centrale, nel calcio moderno verrebbe incasellato nella colonna dei cosiddetti “box-to-box”, ovvero quei calciatori in grado di fare bene entrambe le fasi di gioco, preziosi in fase di non possesso e pericolosi quando si proiettano in avanti. Proprio come Pogba, uno dei suoi modelli: i 186 centimetri di altezza gli permettono anche di essere dominante fisicamente, vincere contrasti e farsi rispettare nel gioco aereo.

Buona tecnica, creativo, ottimo nella conduzione di palla e destro naturale, Kouadio Koné è un profilo di grande personalità nonostante la carta di identità. Di recente ha recuperato anche da un brutto infortunio al piede, che sembra definitivamente superato. Il Milan potrebbe implementarlo in un reparto che ha bisogno di forze fresche e profili numericamente adatti alle rotazioni. Ma prima, c’è da convincere il Tolosa.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti