HomeCalcio EsteroEzri Konsa, il calciatore conteso da quattro paesi

Ezri Konsa, il calciatore conteso da quattro paesi

In Inghilterra c’è un calciatore corteggiato da quattro nazionali: si tratta di Ezri Konsa, difensore dell’Aston Villa

Nel calcio ci sono storie che meritano di essere raccontate. In tempo di nazionali, quella di Ezri Konsa ha monopolizzato gli spazi web dei siti che si occupano di approfondire situazioni meno conosciute. Il difensore dell’Aston Villa, una delle squadre rivelazioni dell’attuale Premier League, sta infatti vivendo un momento della propria vita abbastanza delicato.

LEGGI ANCHE: Partite di oggi in tv: a che ora e dove vedere

Infatti, proprio perché con i Villans le cose stanno andando molto bene, diverse federazioni si sono fatte sotto per assicurarselo. Konsa. allo stato attuale, potrebbe vestire la maglia di ben quattro rappresentative nazionali differenti. La prima ovviamente è l’Inghilterra, paese che lo ha visto crescere e valorizzarsi a livello professionistico, ma anche Portogallo, Angola e Repubblica Democratica del Congo si sarebbero fatte avanti per sondarne la disponibilità

konsa
Fonte immagine: @ezrikonsa (Instagram)

La storia di Ezri Konsa

Ma perché Konsa ha così tanta scelta? Il tutto, appunto, è riassunto nella sua storia personale. Nato a Londra nel 1997, il centrale dell’Aston Villa ha legato al Regno Unito tutta la propria vita, umana e calcistica, tanto che in passato ha maturato diverse presenze con le nazionali giovanili inglesi, militando sia nell’under 20 che nell’under 21.

Qui Konsa ha conosciuto Gareth Southgate, attuale commissario tecnico dei Three Lions, che lo stima a tal punto da averlo preso in considerazione nella lista di papabili convocati per i prossimi impegni della sua Inghilterra. Qualche giorno fa il ct ha diramato la lista dei prescelti per le partite di fine mese, ma Konsa non c’è e, probabilmente, questa esclusione potrebbe averlo portato a fare qualche riflessione in prospettiva.

Le altre opzioni

Così, secondo quanto raccontato da The Athletic, nello scorso mese di febbraio la federazione portoghese si sarebbe fatta sotto per capire se ci fossero le possibilità per naturalizzarlo, dandogli la nazionalità lusitana in modo tale da poterlo mettere a disposizione di Fernando Santos. Ovviamente, così come in caso di chiamata da parte dell’Inghilterra, Konsa si sarebbe inserito in un contesto molto competitivo, con il rischio di raggranellare solo qualche presenza e basta.

Invece, qualora il richiamo fosse così forte, il centrale del Villa potrebbe dirottare la propria scelta sull’Africa, dove avrebbe addirittura due opzioni per mettersi in mostra. La prima porta all’Angola, terra che ha dato alla luce la madre, emigrata in Europa alla ricerca di una vita migliore. La seconda, invece, conduce alla Repubblica Democratica del Congo, paese di nascita del padre.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ezri Konsa (@ezrikonsa)

Una scelta di cuore

Optare per l’Africa significherebbe quindi tornare alle origini, in posti nei quali – come dichiarato dallo stesso Konsa – non è mai stato e dei quali sa poco o nulla. La sua vita è in Europa e, da esterni, è difficile dire se la cosa sia stata un bene o meno. Da una parte un contesto che lo ha fatto crescere, dall’altra la consapevolezza che ci sono ancora troppi posti sulla terra in cui non è possibile vivere in pace.

Detto ciò, va anche rimarcato come in Africa non apprezzino molto i calciatori che scelgono il Continente Nero come ripiego, il che è un fattore da non sottovalutare visto il dispendio di energie fisiche che comporterebbe giocare con Angola o Repubblica Democratica del Congo. Ogni viaggio è una trasferta già solo per raggiungere il ritiro sul posto, poi ci sono problematiche legate agli spostamenti e agli alloggi, senza contare che all’Aston Villa una scelta di questo tipo potrebbe dare fastidio. Alla fine, servirà l’ennesima scelta di cuore.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti

Resta aggiornato con Telegram