Infortunio Zaccagni: quando rientra e tempi di recupero

Infortunio per Mattia Zaccagni durante il match di Coppa Italia di ieri tra Lazio e Udinese. Quando potrebbe rientrare l’ex Verona?

Era più o meno la fine del primo tempo quando Mattia Zaccagni ha spaventato Maurizio Sarri e tutto il mondo Lazio. L’ex Verona ha avuto la peggio in uno scontro di gioco con l’attaccante dell’Udinese Success. L’esterno biancoceleste è caduto rovinosamente sulla caviglia, con la punta dei friulani che, proprio nella caduta, è finito sul jolly offensivo.

Quest’ultimo è stato costretto a lasciare il campo all’intervallo della sfida di Coppa Italia, poi vinta dai capitolini grazie a un gol del solito Ciro Immobile in avvio di secondo tempo supplementare. Ma lo stop del 26enne potrebbe rendere un po’ amaro questo successo e questo passaggio del turno.

LEGGI ANCHE: Perché Lazzari non gioca titolare nella Lazio

Infortunio Zaccagni, rischio lungo stop?

Nelle dichiarazioni post partita mister Sarri non è riuscito a dare indicazioni sulle condizioni del suo giocatore, lasciando però una porta aperta e una speranza per il match di sabato contro l’Atalanta. La situazione infatti è già abbastanza complicata, vista la quasi certa assenza di Pedro. Se anche Zaccagni non dovesse esserci sarebbe vera e propria emergenza esterni offensivi. Il modo in cui il classe ’95 ha lasciato in campo in realtà non  fa essere poi così tanto ottimisti. Il dolore, la corsa condizionata dalla botta fanno pensare a una distorsione alla caviglia, ma, per saperne e capirne qualcosa in più,  occorre aspettare i soliti controlli medici di rito, che dovrebbe avvenire nei prossimi giorni.

La sensazione è che il buon Mattia dovrà alzare bandiera bianca per la partita contro gli orobici. Anche se va detto, il fatto che dopo questo match ci sarà la sosta e la situazione di emergenza, potrebbero anche portare a correre un piccolo rischio. Idee, sensazioni e ipotesi che molto probabilmente saranno più chiare tra 48 ore. La speranza è che la caviglia non si sia gonfiata troppo e che il dolore non sia eccessivo. Altrimenti occorrerà alzare bandiera bianca, con il ritorno previsto per il 6 febbraio, giorno della sfida con la Fiorentina.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI