Icardi rosicone? Cosa c’è di vero nelle statistiche della lite social

Mauro Icardi si è reso protagonista di una dura lite sui social: scopriamo cosa è successo e perché l’argentino ha sbottato.

Torna a far parlare di sé Icardi ma, ancora una volta, non per quanto fatto in campo. L’argentino si è reso protagonista di un duro attacco sui social, polemizzando con un articolo che parlava di “carriera in bilico” per l’argentino e di smarrimento. L’attaccante del Psg non ha preso bene la considerazione, replicando duramente contro l’autore dell’articolo e ostentando i suoi fasti, ovvero le stagioni da 30 gol e le 200 reti complessive a 29 anni. Traguardi importanti, certo, ma che fanno parte del passato. Eppure Icardi ammette di sentirsi al tranquillo, con due anni di contratto la sua carriera è tutt’altro che in bilico. I numeri, però, dicono tutt’altro.

L’attacco di Icardi: i numeri lo sconfessano

Come detto, Mauro Icardi ha preso molto male l’insinuazione che la sua carriera sia arrivata a un punto morto, eppure se analizziamo i numeri cogliamo un’involuzione pazzesca dell’argentino da quando è a Parigi. L’ultima stagione da 30 gol, fieramente ostentata dall’attaccante, risale al 2017-2018, quando in campionato Icardi segnò 29 reti. L’anno successivo, l’ultimo all’Inter, i gol 11 in 29 presenze in Serie A. 17 in 37 complessive.

Da quando poi, nell’estate 2019, Icardi si è trasferito al Psg, la luce si è spenta. La prima stagione è stata di livello, con 20 gol complessivi in 34 partite, ma le ultime due assolutamente da dimenticare. Quei famosi 30 gol non sono stati raggiunti nemmeno sommando le due stagioni, anzi l’argentino ha superato di poco la metà. 13 gol in totale nella stagione 2020-2021, addirittura 5 in quella appena conclusa.

Mauro Icardi è sceso in campo per ben 30 volte nell’ultimo anno, senza quasi mai lasciare il segno. L’argentino è ormai finito ai margini del Psg e quei due anni di contratto rimanenti, più che un’assicurazione, sembrano una condanna. Se Icardi, come ha dimostrato di voler fare, ha intenzione di rimanere a Parigi a fare la comparsa, quando il suo contratto scadrà avrà 31 anni e quasi quattro stagioni senza essere protagonista alle spalle. È veramente sbagliato parlare di carriera in bilico? Forse da parte di Icardi servirebbe una riflessione più approfondita, perché i numeri condannano in maniera chiara il suo sfogo.

photo 2022 06 06 18 33 10