Eden Hazard
Fonte immagine: Twitter @InfiniteMadrid

Quando Eden Hazard aveva sposato la causa del Real Madrid, in casa Blancos non si riusciva a trattenere la gioia. Ad un anno e mezzo dal suo arrivo in Spagna, però, le opinioni a riguardo sono cambiate

Nella giornata di ieri, la squadra spagnola ha annunciato con un comunicato ufficiale l’ennesimo stop per il suo numero 7 belga, costretto a fermarsi nuovamente. La situazione inizia a diventare particolarmente scomoda, sia per la gestione del giocatore che per il suo ingaggio faraonico.

Hazard al Real: come sta andando?

L’avventura del nativo di La Louvière al Santiago Bernabeu non era iniziata nel migliore dei modi. Un infortunio alla coscia non gli aveva permesso di partire subito a razzo, con il primo squillo giunto il 5 ottobre 2019, nel 4-2 al Granada. Altri tempi, stadio pieno ed un Hazard finalmente sulla rampa di lancio per le Merengues.

Dopo un paio di assist e poco altro, però, un nuovo stop. Anzi, due: prima una frattura capillare del piede che lo tiene fuori per 10 partite, poi una fissurazione del perone che gli fa saltare il Clasico vinto 2-0. Alla fine, nella sua prima stagione il bottino fu di 1 gol e 7 assist tra Liga e Champions League: decisamente sotto le aspettative.

Quest’anno, nonostante il leit motiv degli svariati infortuni muscolari, la sua continuità – specialmente nelle ultime gare disputate dai Blancos – sembrava essere diventata una consuetudine. Invece, un altro stop: infortunio muscolare al retto anteriore sinistro. Si attendono ulteriori accertamenti, ma la sensazione è che dovrà rimanere fuori almeno fino all’inizio di marzo.

Hazard
Fonte immagine: Twitter @InfiniteMadrid

Ancora tu?

Niente sfide di campionato contro Huesca, Getafe, Valencia, Valladolid, Real Sociedad e Atlético Madrid, oltre all’andata degli ottavi di finale di Champions League contro l’Atalanta. Un’altra fermata inaspettata in infermeria, dopo l’inizio di stagione con la caviglia malmessa e la rottura del retto anteriore della coscia destra che gli ha impedito di debuttare contro il Valladolid il 30 settembre scorso.

Leggi anche:  La Liga spagnola e l'India: la storia di un grande progetto

Ciò che preoccupa maggiormente, oltre all’evidente problema dello stato fisico del giocatore, è la sua stabilità psicologica. Secondo quanto riportato da El País, infatti, l’ex Chelsea si è dichiarato “abbattuto” dopo aver ricevuto la notizia da parte dello staff medico del Real Madrid. Le evidenti ricadute per Hazard, dunque, non si vedranno solamente sul suo fisico: anche dal punto di vista psicologico bisognerà prendere in esame la sua situazione.

Il fardello Hazard, come anticipato in precedenza, preoccupa anche per quanto riguarda l’aspetto economico dell’operazione che l’ha portato in Spagna. Un investimento complessivo da 160 milioni di euro, pagabili in tre rate: 106 milioni già versati tra il 2019 ed il 2020, con i restanti 64 nell’anno corrente. Ma non è finita qui.

Lo stipendio del giocatore, come comprensibile, è da capogiro. Il belga percepisce uno stipendio annuale da 15 milioni di euro netti, con un accordo fino al giugno 2024. Attualmente, come riportato da Calcio e Finanza, è il quarto elemento più pagato della rosa, alle spalle di Sergio Ramos, Marcelo e Toni Kroos.

Visto il considerevole numero di infortuni ed uno stipendio così elevato, non è da escludere che le strade di Hazard e del Real Madrid si possano separare in estate. Un’avventura iniziata male, proseguita peggio e che potrebbe concludersi con un risvolto neanche lontanamente immaginabile al momento del suo arrivo in Spagna.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: Instagram, Facebook, Twitter e Flipboard!