mercoledì, Aprile 24, 2024

Perché il Milan vuole Van Bommel in panchina?

Il Milan vira su Mark Van Bommel...

Per le big d’Europa non è facile trovare un nuovo allenatore

Le big europee stanno incontrando più difficoltà...

Il futuro di Zaccagni è sempre più biancoceleste

Mattia Zaccagni questa sera non sarà tra...

Flop Bremer contro Osimhen: costato quanto tre big del Napoli

In Primo PianoFlop Bremer contro Osimhen: costato quanto tre big del Napoli

Bremer è stato uno dei protagonisti (in negativo) di Napoli Juventus di ieri sera. Soprattutto per il costo, pari a quelli di tre stelle del Napoli.

È stato il grande colpo dell’estate juventina, soffiato all’Inter dietro un’offerta eccezionale. Bremer è arrivato alla Juventus dal Torino dopo essersi consacrato come miglior difensore della scorsa stagione di Serie A, e il club della famiglia Agnelli non ha speso poco per lui. Le cifre ufficiali del suo trasferimento parlano di 41 milioni di parte fissa più 9 di bonus, più 4 milioni netti più 1 di bonus al giocatore fino al 2027.

Costi da top player europeo, che ieri sera al Maradona non sono stati affatto dimostrati. Anzi, Bremer è stato responsabile di diversi errori, con l’intera difesa della Juventus che è franata, subendo quasi lo stesso numero di gol presi nel resto della stagione (5 contro i 7 precedenti). A colpire, a livello di numeri, è il fatto che la Juve per lui ha speso più o meno quanto il Napoli per tre dei giocatori che lo hanno affossato: Anguissa, Kim Min-jae e Kvaratskhelia, insieme, sono costati 43 milioni di euro.

Flop Bremer: sopravvalutato o serata storta?

È forse ingeneroso bollare Bremer come sopravvalutato dopo la serata di ieri, considerando che, fino a quel momento, le sue prestazioni in Serie A erano state ottime, e una buona fetta del record difensivo bianconero era merito suo. Gran parte della “cattiva comunicazione” che Bremer sta subendo in queste ore è dovuta anche alle ironie dei social, soprattutto dopo il titolo di ieri di Tuttosport con le parole del difensore brasiliano: “Osimhen io lo marco così”.

Però, che la cifra spesa dalla Juventus per il giocatore fosse esagerata aveva già sfiorato molti tifosi e opinionisti. Per esempio, negli scorsi giorni il Chelsea ha speso meno (40 milioni di euro) per acquistare dal Monaco Benoit Badiashile, uno dei giovani difensori più interessanti al mondo. Ovvio che Bremer, che ha 25 anni, è un giocatore più pronto del francese, ma va sottolineato che il suo status era dovuto unicamente alle partite in Serie A.

Fino a settembre 2022, infatti, le uniche apparizioni internazionali del brasiliano erano state 6 partite dei preliminari di Europa League col Torino nel 2019/2020, affrontando Debrecen, Soligorsk e Wolverhampton. Sempre a settembre scorso, Bremer ha fatto il suo esordio nel Brasile, dove in precedenza non era mai stato convocato nemmeno a livello giovanile. Gli sono bastati 45 minuti in amichevole col Ghana per andare ai Mondiali, dove comunque ha giocato solo 90 minuti col Camerun (sconfitta dei verdeoro per 1-0) e poi 18 minuti nella vittoria degli ottavi sulla Corea del Sud.

Insomma, il curriculum di Bremer è quello di un difensore che, a dispetto delle evidenti capacità, ha pochissima esperienza internazionale, e ogni volta che si confronta con un livello più alto di quello medio della Serie A va in difficoltà. Quest’anno ha fatto il esordio in Champions League con la Juventus, giocando tre partite dei gironi: le sconfitte con PSG e Benfica, e poi la vittoria in casa sul Maccabi Haifa. Nei primi due match, quelli di livello più alto, Bremer non aveva affatto brillato, e la stessa cosa si è rivista appunto al Mondiale e poi ieri sera contro il Napoli capolista.

A ciò si aggiungono poi anche problemi tattici, probabilmente. Bremer ha fatto vedere cose eccellenti al Torino con Juric, venendo impiegato in un tipo di gioco molto diverso da quello di Allegri alla Juventus. Coi granata doveva avere un approccio molto più aggressivo, andando a pressare alto e in campo aperto, mentre in bianconero gli si chiede l’opposto. Il fatto che le sue prestazioni siano state mediamente molto positive in questi mesi è un suo merito, e la partita di ieri col Napoli non può pesare troppo sul giudizio stagionale. Ma quei 50 milioni complessivi continua a sembrare troppi.

Potrebbe interessarti anche:

Check out other tags:

Gli articoli più letti