Perché la Fiorentina non riscatterà Torreira

Torreira è stato uno dei protagonisti della stagione della Fiorentina,tornata a qualificarsi in Europa, ma il club viola non riscatterà l’uruguayano.

È finalmente arrivata la qualificazione europea dei viola, la prima dal 2016, a coronamento di una stagione molto positiva ma complicatasi dopo la cessione a gennaio di Vlahovic. Ma all’indomani del risultato, ecco la mazzata: il club ha deciso ufficialmente di non riscattare Lucas Torreira dall’Arsenal.

Una decisione che era nell’aria da tempo, anche se ancora sembrava possibile trovare un accordo. Anche perché il 26enne uruguayano ex-Sampdoria si è dimostrato di cruciale importanza nella manovra della Fiorentina di Italiano a metà campo, disputando in questa stagione 35 partite complessive, con 5 reti e 1 assist.

Torreira Fiorentina: perché non ci sarà il riscatto

La scorsa estate, Commisso aveva regalato al suo nuovo allenatore il centrocampista dei Gunners tramite un prestito oneroso (1,5 milioni di euro) con un riscatto fissato a 15 milioni. Le aspettative erano che i viola sarebbero potuti riuscire a trattenere il giocatore, visto la cifra abbastanza bassa richiesta dal club londinese (che nell’estate del 2018 aveva pagato il giocatore quasi 29 milioni) e il contratto in scadenza a giugno 2023.

Una clausola dell’accordo tra le due società stabiliva inoltre che, dopo la 25a presenza stagionale in maglia viola, il costo del prestito del centrocampista sarebbe stato del tutto cancellato. Altro particolare che sembrava remare favorevolmente verso un suo definitivo trasferimento alla Fiorentina, che così avrebbe dovuto pagare unicamente i 15 milioni del riscatto, spalmabili in sei rate da elargire da qui al 2025.

Invece, nelle ultime giornate è saltato tutto. Il club toscano, oltre a volere uno sconto da parte dell’Arsenal, aveva fatto la stessa richiesta a Torreira: l’uruguayano in Inghilterra percepisce 3,2 milioni l’anno, ma aveva accettato un accordo al ribasso per restare a Firenze pari a 2,7 milioni d’ingaggio. Solo che, in fase negoziale, i viola hanno chiesto infine un ulteriore ribassamento, come spiegato dall’agente del giocatore Pablo Bentancur.

Ecco così che la trattativa si è resa impraticabile: da un alto l’Arsenal non accettava meno di 15 milioni per liberare il giocatore, mentre dall’altro era lo stesso Torreira a non volersi ridurre ulteriormente lo stipendio per continuare a giocare alla Fiorentina.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI