HomeIn Primo PianoEl Shaarawy alla Roma: come giocherà con Fonseca

El Shaarawy alla Roma: come giocherà con Fonseca

É arrivato finalmente il momento di Stephan El Shaarawy. Oggi a Roma per le visite mediche, l’ala classe ’92 torna a Roma dopo diciotto mesi. 

El Shaarawy è pronto a mettersi a disposizione dopo un mese di duri allenamenti. Dopo essere stati vicini a ricongiungersi nella sessione estiva di mercato, la Roma e Stephan El Shaarawy si rincontrano dopo diciotto mesi di lontananza. La scelta dell’ente 2019 fu legata al sentore della fine di un ciclo a Roma, e l’occasione di guadagno per il calciatore che a Shanghai avrebbe guadagnato 16 milioni di euro netti. 

19 presenze, 4 gol e 3 assist più tardi, El Shaarawy ha scelto di ritornare in giallorosso per giocarsi le proprie chance per l’Europeo.

Fermo da più di cinque mesi (a causa dell’interruzione del campionato cinese per il COVID-19), il Faraone ha giocato tre gare con la Nazionale italiana tra ottobre e novembre, segnando due gol e indossando pure la fascia di capitano.

Minutaggio non sufficiente però a farsi trovare pronto per la chiamata invernale della Roma, e per questo, ha seguito un allenamento dedicato a Dubai per un mese, così da essere in forma per presentarsi  a disposizione da subito. 

La formula

El Shaarawy arriva così a parametro zero alla Roma dopo i timidi avvicinamenti estivi. Questa mattina ha svolto le visite mediche a Villa Stuart e firmerà un contratto fino al 2023 a 3,5 milioni a stagione, aumentabili a 4,5 in base ai bonus raggiunti. 

Una netta presa di posizione per il Faraone, che con questa scelta ha dimostrato non solo di tenere alla Roma – oggi al centro di un polverone mediatico che ha investito soprattutto Edin Dzeko – ma anche di volersi giocare le proprie carte in vista dell’Europeo in programma nel prossimo giugno. 

Come giocherà nella Roma di Fonseca? 

El Shaarawy ha giocato alla Roma per tre anni e mezzo, segnando 40 gol, fornendo 26 assist in un totale di 139 presenze. In quel periodo, seppur con allenatori diversi, Elsha ha sempre giocato tra la fascia di sinistra e la trequarti, alternando il ruolo di esterno offensivo a quello di seconda punta. Il 4-2-3-1 e il 4-3-3 erano i moduli di riferimento mentre ora Fonseca predilige il 3-4-2-1 con i trequartisti più interni al campo pronti a lasciare spazio alle incursioni degli esterni di centrocampo. 

Sulla trequarti sta oggi giocando Pellegrini, in mancanza dei due titolari, ma con l’arrivo di Stephan il capitano giallorosso tornerebbe in cabina di regia lasciando spazio al neo acquisto. 

Per questo il suo ruolo in questa Roma potrà essere di supporto a Pedro e Mkhitaryan – fondamentali per gli equilibri offensivi di Fonseca ma anche soggetti a infortuni – per rinforzare il reparto offensivo oggi colpito da un dubbio importante. 

É di queste ore la notizia di un possibile scambio tra Inter e Roma che coinvolgerebbe Dzeko e Sanchez. Sanchez arriverebbe a Roma all’interno di una trattativa che cambierebbe le carte a disposizione di Fonseca in avanti: Sanchez ed El Shaarawy hanno caratteristiche ben diverse da Dzeko, permettendo a Fonscea di sclerare un attacco rapido e imprevedibile al posto di un più impostato gioco basato sulla prima punta. 

In ogni caso, El Shaarawy sarà un punto di riferimento per il tecnico portoghese: la sua esperienza e il suo legame con l’ambiente non si discutono, così come i numeri che ha fatto registrare con la maglia della Roma. 

8 gol e 2 assist nelle 18 presenze del 2015/16, appena tornato in Italia dopo sei mesi nel Principato di Monaco, 12 gol e 10 assist nella stagione successiva, fino ai 9 gol e 7 assist nella stagione 17/18.

Nell’ultima annata in giallorosso furono 11 i gol e 7 gli assist in 33 presenze, ma più di tutti è impressa nella mente dei tifosi la gara contro la Lazio nella stagione 2016/17 in cui Stephan segnò un gol e fornì un assist, non riuscendo però a ribaltare l’esito della doppia sfida in semifinale di Coppa Italia.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: Instagram, Facebook, Twitter e Flipboard!

Simone Mannarino
Simone Mannarino
Classe '94 e laureato in Storia all'Università Statale di Milano, ama il calcio in ogni sua forma ed espressione. Alla costante ricerca di storie da raccontare che permettano di andare oltre ciò che vediamo tutte le domeniche.

Articoli recenti

Resta aggiornato con Telegram