Al Chelsea è stato un flop, ora chiede scusa ai tifosi

Danny Drinkwater nel 2016 vinceva inaspettatamente il titolo di Premier con il Leicester. Era uno dei giocatori inglesi più promettenti e il Chelsea se lo accaparrò l’anno successivo per 35 milioni di sterline convinto di farne un pilastro. Invece è andata malissimo, e dopo cinque stagioni, col contratto in scadenza, non rinnoverà. Incredibilmente, però, Drinkwater ha voluto con un messaggio sui social scusarsi coi tifosi dei Blues per il suo scarso rendimento. 

Drinkwater, che flop

Il Chelsea tentò il doppio colpo gobbo dal Leicester campione d’Inghilterra a sorpresa. Nel 2016, a titolo appena vinto, le Foxes si videro “prelevare” dai Blues l’infaticabile N’Golo Kanté. 

Accanto a lui in quel centrocampo c’era il non più giovanissimo (è classe 1990) Danny Drinkwater, uno dei protagonisti a sorpresa del successo della squadra di Ranieri. Con quel cognome, poi, “bevi acqua”, non poteva che destare simpatia.

Il Chelsea spese ben 35 milioni di sterline, nel 2017, per accaparrarsi il centrocampista, senza sapere però ad esempio che era infortunato.

Da lì in avanti coi Blues il buon Danny ha giocato appena 21 partite in tutte le competizioni, segnando appena un gol.

Prestiti ovunque

Non rientrando nei piani di nessuno degli allenatori che si sono succeduti sulla panchina del Chelsea, Drinkwater è finito ceduto in prestito ai club più disparati.

L’ultimo, il Reading in Championship, la B inglese. In precedenza, i turchi del Kasimpasa, l’Aston Villa, sempre in Championship e il Burnley. Senza mai convincere.

Oggi con un lungo post su Instagram Drinkwater ha chiesto scusa ai tifosi del Chelsea per il poco rendimento offerto, senza addurre scuse, ma semplicemente mettendoci la faccia.

“Il calcio è uno sport bellissimo ma può capitare che qualcosa vada storto”, ha scritto Danny, che ha ringraziato il club londinese per aver avuto la possibilità di giocare con tanti campioni.

Ora è senza contratto, vedremo se qualcuno si farà avanti.