giovedì, Aprile 25, 2024

Xavi e l’amore per il Barcellona: il progetto continua

Xavi sarà ancora l’allenatore del Barcellona la...

Il Milan del futuro: tutti i nomi per il dopo-Pioli

Il Milan ha praticamente deciso di separarsi...

Muniain, l’addio di una leggenda del calcio basco

Iker Muniain non è certo stato uno...

Perché Dani Alves è stato arrestato: i motivi

NotiziePerché Dani Alves è stato arrestato: i motivi

Dani Alves arrestato: decisione clamorosa sul giocatore ex Barcellona e Juventus, per cui ora potrebbero aprirsi le porte del carcere. 

Dani Alves, convocato stamattina al tribunale di Barcellona, era già stato indagato per una presunta violenza sessuale nei confronti di una ragazza dentro la discoteca Sutton, nella capitale catalana. Stando alle ricostruzioni provenienti dall’aula, il brasiliano è stato quindi arrestato dai Mossos d’Esquadra, la polizia catalana. Ora spetta al giudice stabilire se mandare in carcere il calciatore oppure se lasciarlo in libertà condizionata.

Dani Alves arrestato: le accuse

La vittima ha denunciato Dani Alves per palpeggiamenti non consentiti durante le ultime feste di Natale, il tutto sarebbe avvenuto in questo locale nel centro di Barcellona e la denuncia della donna era arrivata il 2 gennaio. Nei bagni, più precisamente, dopo che i due si erano conosciuti nella zona vip del Sutton.

Il brasiliano, che compirà 40 anni il 6 maggio, ha giocato a Barcellona dal 2008 al 2016 e anche nella passata stagione prima che il club decidesse di non rinnovargli il contratto. Tuttavia in città ha mantenuto contatti e amicizie.

Attualmente è tesserato per i Pumas messicani ed era stato convocato da Tite per i mondiali in Brasile, senza incidere granché. Titolare e capitano contro il Camerun nella terza partita del girone (persa dai Verdeoro 1-0), era entrato in campo per mezz’ora circa contro la Corea del Sud negli ottavi di finale.

Dal Qatar, Dani Alves si sarebbe poi spostato a Barcellona per trascorrere le vacanze di Natale. In quei giorni, l’episodio della discoteca, la denuncia e ora l’arresto. Quando gli amici della vittima avevano contattato la polizia il giocatore se n’era già andato, tanto che la notizia gli era arrivata mentre era già in Messico.

Tra le prime reazioni all’accaduto, quella della modella Joana Sanz, moglie di Dani Alves, che ha parlato nel programma tv “Y ahora Sonsoles” sul canale Antena 3. “Io so chi è mio marito, so come l’ho conosciuto, so che è uno che porta rispetto con chiunque come aveva fatto con me. Ho visto molte volte come certe donne si siano avvicinate a mio marito persino in mia presenza. Non oso immaginare cosa potrebbe succedere quando non ci sono”.

E poi una foto assieme su Instagram, abbracciati.

Ora comunque staremo a vedere cosa succederà al giocatore, già da una settimana coinvolto in questa storia che potrebbe terminare addirittura con una detenzione. Anche se resta da vedere naturalmente cosa deciderà il giudice dopo l’arresto di stamattina di Dani Alves.

Potrebbe interessarti anche:

Check out other tags:

Gli articoli più letti