giovedì, Aprile 25, 2024

Xavi e l’amore per il Barcellona: il progetto continua

Xavi sarà ancora l’allenatore del Barcellona la...

Il Milan del futuro: tutti i nomi per il dopo-Pioli

Il Milan ha praticamente deciso di separarsi...

Muniain, l’addio di una leggenda del calcio basco

Iker Muniain non è certo stato uno...

Come sarà il Napoli 2023/2024? Spalletti, Giuntoli, Osimhen: chi resta e chi no

In Primo PianoCome sarà il Napoli 2023/2024? Spalletti, Giuntoli, Osimhen: chi resta e chi no

Il Napoli ha appena vinto lo scudetto, ma molte cose potrebbero cambiare in estate: Spalletti, Giuntoli, Osimhen e altri ancora potrebbero lasciare il club.

Finita la festa, il futuro sembra essere la preoccupazione più grande del Napoli. Lo scudetto è stato un risultato incredibile e storico, ma la sensazione fin anche da prima del titolo matematico era che molto della squadra partenopea sarebbe cambiato in estate. Il Napoli del 2023/2024 rischia di essere molto diverso da quello attuale, e tra i tifosi si avverte un crescente timore di smobilitazione, sia a livello dirigenziale che di rosa.

De Laurentiis ha sempre detto che la squadra non ha problemi di debiti e non è quindi costretta a cedere nessuno, ma la verità è ovviamente più complessa. Da Giuntoli a Osimhen, arrivando ora anche a Spalletti, le promesse del presidente di trattenere i pezzi pregiati sembrano sempre più difficili da mantenere. E allora la domanda sorge spontanea: chi ci sarà al Napoli nella prossima stagione?

LEGGI ANCHE: Cristiano Giuntoli, chi è il direttore sportivo conteso tra Napoli e Juventus

Napoli 2023/2024: il futuro di Spalletti

È stato il principale artefice del successo di quest’anno, ma il suo contratto è in scadenza e, malgrado tutte le rassicurazioni, ancora non è stato rinnovato. Anzi, la Gazzetta dello Sport stamattina titola proprio dicendo che “Spalletti è lontano”: l’allenatore toscano non avrebbe gradito il comportamento né le idee di De Laurentiis in merito al rinnovo del suo contratto. E lo stesso patron azzurro, nella serata di venerdì, ha parlato della questione lasciando la porta aperta a un possibile addio: “Non bisogna tarpare le ali a nessuno, come nessuno deve farlo con me” ha detto.

Al momento, però, la questione è ancora tutta in alto mare, e ancora pare impossibile e assurdo che non si possa ricostruire la frattura tra i due. Nel frattempo, sempre il quotidiano rosa mette avanti quattro nomi che potrebbero teoricamente essere contatti per sostituire Spalletti in estate. Il sogno, probabilmente irrealizzabile, è Jurgen Klopp, reduce da un’annata deludente col Liverpool. Subito dopo, non semplice ma siggestiva, l’ipotesi di De Zerbi, sulla bocca di tutti dopo le grandi prestazioni del suo Brighton. Appena sotto, Italiano, che in due anni ha fatto cose eccellenti alla Fiorentina, e Gasperini, il cui ciclo all’Atalanta pare essere vicino a una conclusione.

LEGGI ANCHE: Crisi Liverpool: è la fine dell’epoca Klopp?

Va o non va: il caso Giuntoli

L’addio del direttore sportivo ex Carpi sembrava la cosa più ovvia già diverse settimane fa, con la Juventus meta desiderata per Cristiano Giuntoli. Il suo futuro e quello di Spalletti sembrano essere legati più di quanto non si sarebbe detto: oggi La Repubblica scrive che l’allenatore avrebbe rifiutato la prima proposta si rinnovo fatta dal Napoli proprio perché potrebbe seguire Giuntoli alla Juve. Tuttavia, la situazione interna al club bianconero deve ancora definirsi con precisione, e non è da escludere che la figura di Giuntoli possa anche essere riconsiderata nei prossimi giorni.

La sensazione è che il direttore sportivo sia destinato a lasciare il Napoli con una certezza quasi assoluta. Il nome indicato per sostituirlo è noto da tempo: stiamo parlando di Pietro Accardi, giovane dirigente dell’Empoli che però ha già raccolto parecchia esperienza in questi anni alla guida del club toscano.

LEGGI ANCHE: Pietro Accardi, chi è il direttore sportivo: i migliori acquisti

Osimhen e gli altri: come cambierà la rosa del Napoli

Veniamo infine ai giocatori. La partenza del bomber nigeriano pare praticamente scontata: Victor Osimhen è stato il grande protagonista della stagione partenopea, e sembra il giocatore più pronto al grande salto. Su di lui ci sono molte big europee, con il Manchester United che sembra in pole position, ma anche Real Madrid, Bayern Monaco e altre seguono il giocatore. Per lui, De Laurentiis accetterebbe solo un’offerta tra i 100 e i 150 milioni di euro, con la quale poi si potrebbe andare a rinforzare la rosa.

Osimhen però potrebbe non essere l’unica cessione dell’estate napoletana. Tre sono gli altri profili dalla situazione più delicata: Hirving Lozano e Piotr Zielinski vanno in scadenza nel 2024, e soprattutto per il messicano sembra difficile ipotizzare un rinnovo con abbassamento d’ingaggio. Il Napoli potrebbe dunque cedere entrambi questa estate per non perderli a zero, ma anche Kim Min-jae potrebbe lasciare il club, dopo che molti estimatori all’estero avrebbero considerato di pagarne la clausola rescissori.

Sappiamo ancora poco sui potenziali volti nuovi della squadra partenopea. Zanoli dovrebbe rientrare dal prestito alla Sampdoria, dove ha fatto vedere ottime cose, e diventare il vice Di Lorenzo a tutti gli effetti. A centrocampo, secondo il Corriere dello Sport il Napoli sta trattando Frattesi del Sassuolo e Koopmeiners dell’Atalanta, mentre l’idea per sostituire Lozano sarebbe quella di pescare il giapponese Takefusa Kubo dalla Real Sociedad. Per il dopo Osimhen si sono fatti molti nomi, ma quello più caldo al momento è Jonathan David, che ha già sostituito il nigeriano al Lille.

LEGGI ANCHE: Jonathan David è finalmente pronto al grande salto

Potrebbe interessarti anche:

Check out other tags:

Gli articoli più letti