martedì, Maggio 21, 2024

Come cambia la Serie A dopo il mercato invernale 2023

La Serie A cambia dopo il calciomercato di gennaio 2023: acquisti e cessioni modificheranno il volto delle squadre. Ecco i nuovi titolari dei club di Serie A.

Concluso il calciomercato invernale, come è cambiata la Serie A? In realtà non molto, specialmente guardando ai nuovi arrivi: quella di questo gennaio 2023 è stata una delle campagne di mercato più tranquille e deludenti degli ultimi anni, e di sicuro pochi tifosi saranno elettrizzati dai colpi fatti dalla loro squadra. Anche i grandi nomi non si sono visti, sopratutto tra le big. Potremmo infatti dire che i veri “colpi” dell’ultimo mese li hanno fatti Torino, Salernitana e Udinese, prendendo rispettivamente Ilic dal Verona, Ochoa dall’America e Thauvin dal Tigres.

Proviamo allora a vedere come cambiano (se cambiano) le formazioni titolari ideali delle 20 squadre di Serie A per i prossimi cinque mesi della stagione 2022/2023.

Come cambia la Serie A: le nuove formazioni titolari

ATALANTA

Nessun cambiamento concreto nella squadra di Gasperini. L’unico nuovo arrivo è il terzino sinistro sloveno Relja Obric, classe 2006, che andrà a rafforzare la Primavera. In uscita si segnala soprattutto Malinovskyi, che però era da un po’ fuori dal giro dei titolari della Dea.

Formazione titolare: (3-5-2) Musso; Toloi, Demiral, Scalvini; Hateboer, Pasalic, Koopmeiners, De Roon, Maehle; Lookman, Hojlund.

BOLOGNA

Anche qui nessun cambio concreto. L’arrivo di Kyryakopoulos dal Sassuolo servirà sorpattutto per avere un ricambio adeguato per Cambiaso sulla fascia sinistra, ma la formazione ideale di Thiago Motta non dovrebbe subite variazioni.

Formazione titolare: (3-4-2-1) Skorupski; Lucumì, Posch, Soumaoro; Lykogianni, Schouten, Dominguez, Cambiaso; Orsolini, Soriano; Arnautovic.

CREMONESE

A caccia della salvezza, la formazione lombarda aggiunge Alex Ferrari della Sampdoria in difesa e Marco Benassi della Fiorentina a centrocampo, per cercare di ottenere più esperienza e solidità. Diverse uscite, ma nessuna davvero rilevante.

Formazione titolare: (3-5-2) Carnesecchi; Aiwu, Ferrari, Bianchetti; Sernicola, Meité, Benassi, Pickel, Valeri; Okereke, Dessers.

EMPOLI

L’acquisyo più importante è chiaramente quello di Ciccio Caputo, che deve portare esperienza e reti nell’attacco empolese. Da tenere presente di sicuro l’arrivo di Emanuel Viganto dal Bologna, eterno talento in attesa di sbocciare. Tra le assenze può pesare quella di Bajrami, importante pedina a centrocampo.

Formazione titolare: (4-3-1-2) Vicario; Stojanovic, Ismajili, Luperto, Parisi; Marin, Bandinelli, Haas; Baldanzi; Satriano, Caputo.

FIORENTINA

Un solo acquisto, Sirigu dal Napoli, che potrebbe provare a contendere a Terracciano il posto da titolare. Per il resto, la Fiorentina si è limitata a cedere giocatori in esubero, ma non ha concretizzato la cessione di Amrabat, inseguito dal Barcellona.

Formazione titolare: (4-3-3) Terracciano; Dodò, Milnekovic, Martinez Quarta, Biraghi; Amrabat, Barak, Bonaventura; Ikoné, Kouamé, Nico Gonzalez.

INTER

Nessun acquisto per i nerazzurri e una sola cessione (Brazao alla SPAL), ma il vero problema è Skriniar: il difensore slovacco non è stato ceduto e ha rotto con la società, quindi c’è da capire che affidabilità darà per il resto della stagione, prima di passare a parametro zero al PSG.

Formazione titolare: (3-5-2) Onana; De Vrij, Acerbi, Bastoni; Dumfries, Barella, Brozovic, Calhanoglu, Dimarco; Lautaro, Lukaku.

JUVENTUS

Anche per la Juventus nessun nuovo acquisto e una sola cessione, quella di McKennie al Leeds, utile per fare cassa e senza grossi contraccolpi sulla rosa, grazie all’affermazione dei giovani Miretti e Fagioli nei mesi scorsi.

Formazione titolare: (3-5-2) Szczesny; Danilo, Bremer, Alex Sandro; Cuadrado, Rabiot, Locatelli, Paredes, Kostic; Di Maria, Vlahovic.

LAZIO

Un cambio sulla fascia sinistra per la Lazio: via Kamenovic (allo Sparta Praga), dentro Luca Pellegrini dell’Eintracht Francoforte. Il terzino italiano di proprietà della Juventus potrebbe anche contendere il ruolo da titolare a Hysaj.

Formazione titolare: (4-3-3) Provedel; Marusic, Casale, Romagnoli, Pellegrini; Luis Alberto, Cataldi, Milinkovic-Savic; Felipe Anderson, Immobile, Zaccagni.

LECCE

Sette rinforzi per il Lecce, tra cui il più interessante è Maleh, che potrebbe contendere il posto a Gonzalez a centrocampo. La formazione titolare di Baroni per il momento, però, non dovrebbe cambiare troppo.

Formazione titolare: (4-3-3) Falcone; Gendrey, Baschirotto, Umtiti, Gallo; Gonzalez, Hjulmand, Blin; Strefezza, Colombo, Banda.

MILAN

Sul Milan, al momento, pesnao soprattutto tre questioni: l’infortunio di Maignan (è arrivato Vasquez in porta, ma non pare destinato a scavalcare Tatarusanu), il complicato rinnovo di Leao, e il mancato acquisto di Zaniolo. Pioli deve anche poi decidere cosa vuole fare con De Ketelaere. Il mercato, insomma, ha detto poco ai rossoneri.

Formazione titolare: (4-2-3-1) Maignan; Calabria, Kalulu, Tomori, Hernandez; Tonali, Bennacer; Saelemaekers, Brahim Diaz, Rafael Leao; Giroud.

MONZA

Dopo i molti acquisti dell’estate, il Monza ha condotto un mercato di gennaio molto più contenuto, limitandosi all’arrivo del giovane Craboni dal Cagliari. Nessun cambio in vista per Palladino, quindi.

Formazione titolare: (3-4-2-1) Di Gregorio; Izzo, Caldirola, Marì; Ciurria, Rovella, Machin, Carlos Augusto; Pessina, Caprari; Mota.

NAPOLI

Squadra che vince non si cambia: Giuntoli si è limitato a dare a Spalletti due riserve di esperienza e valore, per garantire i giusti ricambi in una stagione ancora lunga. Così, Bereszynski potrà eventualmente supplire alle assenze di Di Lorenzo, e Gollini farà il vice Meret, dopo che Dirigu ha scelto di andare via.

Formazione titolare: (4-3-3) Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Kim, Mario Rui; Anguissa, Lobotka, Zielinski; Politano, Osimhen, Kvaratskhelia.

ROMA

La Roma si è occupata soprattutto dei ricambi, portando in rosa Solbakken e cedendo Shomurodov, e aggiungendo Diego Llorente alla difesa. Ceduto anche Matias Vina, ormai soppiantato da Zalewski a sinistra. Resta il caso irrisolto di Zaniolo, in rosa ma formalmente fuori squadra.

Formazione titolare: (3-4-2-1) Rui Patricio; Smalling, Mancini, Ibanez; Celik, Matic, Cristante, Spinazzola; Dybala, Pellegrini; Abraham.

SALERNITANA

Mercato interessante per la Salernitana, che con Ochoa si è assicurata un portiere esperto, carismatico e ancora molto valido. Importanti anche gli altri arrivi, soprattutto Troost-Ekong e Nicolussi Caviglia, che potrebbero diventare titolari della squadra di Nicola.

Formazione titolare: (4-3-3) Ochoa; Mazzocchi, Troost-Ekong, Bronn, Bradaric; Vilhena, Nicolussi Caviglia, Coulibaly; Candreva, Piatek, Dia.

SAMPDORIA

Tanti cambi e molte incognite per la Sampdoria di Stankovic. La rosa è stata in gran parte rivisitata, e ora resta da capire chi troverà stabilmente posto tra i titolari. Tra i più sicuri, Nuytinck e Lammers, mentre restano da vedere che ruolo avranno gli ultimi arrivi Cuisance e Gunter.

Formazione titolare: (3-4-1-2) Audero; Colley, Nuytinck, Amione; Leris, Rincon, Winks, Augello; Sabiri; Lammers, Gabbiadini.

SASSUOLO

Il Sassuolo si segnala principalmente per la cessione di Traoré al Bournemouth, sostituito idealmente nella rosa da Bajrami dell’Empoli. Nello stesso ruolo, però, Dionisi potrebbe dare più fiducia da subito a Thorstvedt, in rosa dalla scorsa estate.

Formazione titolare: (4-3-3) Consigli; Toljan, Ferrari, Erlic, Rogerio; Frattesi, Lopez, Thorstvedt; Berardi, Pinamonti, Laurienté.

SPEZIA

Gran colpo in uscita per i liguri, che hanno ceduto all’Arsenal Kiwior. Sono seguiti vari investimenti, tra cui il più importante è Zurkowski dalla Fiorentina, che potrebbe entrare nell’undici titolare dello Spezia. Importante anche l’arrivo di Shomurodov, che dovrà sostituire l’infortunato Nzola nelle prossime partite.

Formazione titolare: (3-5-2) Dragowski; Amian, Nikolau, Caldara; Holm, Zurkowski, Ampadu, Bourabia, Reca; Gyasi, Nzola.

TORINO

Il Torino ha fatto uno dei colpi di gennaio, acquistando Ilic dal Verona, che arriva di fatto a sostituire Lukic, ceduto al Fulham. Dopodiché, la dirigenza granata ha assicurato alcuni rinforzi nelle retrovie, che potrebbero anche diventare titolari all’occorrenza, come Ronaldo Vieira e Gravillon.

Formazione titolare: (3-5-2) Milinkovic-Savic; Schuurs, Rodriguez, Buongiorno; Singo, Ricci, Vlasic, Ilic, Vojvoda; Radonjic, Sanabria.

UDINESE

Con Florian Thauvin, l’Udinese si è assicurata un giocatore di grande talento ed esperienza, destinato ovviamente a sostituire Deulofeu, che starà assente a lungo per infortunio e che, nella prossima estate, potrebbe anche cambiare squadra. Per il resto, Sottil non dovrebbe fare grandi cambi alla sua squadra.

Formazione titolare: (3-5-2) Silvestri; Bijol, Becao, Perez; Pereyra, Lovric, Walace, Samardzic, Udogie; Thauvin, Beto.

VERONA

In attesa del ritorno dell’infortunato Henry, il Verona si tutela con diversi arrivi in attacco, tra cui i principali sono Braaf e Gaich. In difesa, Gunter è andato alla Sampdoria, e Zaffaroni lo sostiuirà probabilmente con Magnani.

Formazione titolare: (3-4-2-1) Montipò; Magnani, Hien, Ceccherini; Depaoli, Sulemana, Tameze, Lazovic; Lasanga, Braaf; Gaich.

Potrebbe interessarti anche: