Cessione Sampdoria: esiste davvero lo sceicco Al Thani? Cosa succede

La cessione della Sampdoria continua a far discutere, vista anche la situazione del club in Serie A. Lo sceicco Al Thani sarebbe pronto alle prossime mosse.

Il tempo stringe, nonostante la sosta per il Mondiale. Il cambio in panchina non sembra aver veramente aiutato la Sampdoria a cambiare rotta, e di recente anche il nuovo allenatore Stankovic ha dato segni di difficoltà, che solo sei giorni fa a Sky Sport avvertiva: “Se io sono il problema, mi tolgo”.

La squadra è penultima in Serie A con già sette punti di ritardo dalla salvezza, e tutti ormai sembrano più che altro aspettare garanzie societarie, che possono arrivare solo con la cessione del club. Un’operazione non semplice, soprattutto visto lo scetticismo che circonda la figura dello sceicco Faleh Khalid Al Thani, membro della famiglia reale del Qatar. Forse però ora le cose stanno per sbloccarsi.

Cessione Sampdoria:

Secondo quanto riporta Renzo Parodi su Calciomercato.com, l’imprenditore arabo avrebbe ottenuto il via libera dall’ambasciata qatariota in Italia, e starebbe per ottenere una linea di credito dalla banca Rothschild di Ginevra per versare i 40 milioni di euro necessari all’acquisto della società blucerchiata.

Martedì 15 novembre, Faleh Khalid Al Thani e il suo braccio destro Imad Aounallah hanno firmato una lettera pubblicata dall’Ansa in cui aggiornano i tifosi sugli sviluppi della trattativa. “Al lavoro per chiudere il prima possibile“, il sunto del documento, che conferma l’operazione che ormai sembra data per fatta.

La cessione della Sampdoria da Massimo Ferrero allo sceicco qatariota dovrebbe concretizzarsi entro la fine di novembre, in concomitanza con il via dei Mondiali proprio nel paese arabo. Su questo aspetto, nessuno sembra avere più alcun dubbio.

Cessione Sampdoria: come cambierà la squadra

Dopodiché ci sarà da capire quali investimenti potrà fare la nuova proprietà per rafforzare la rosa e raggiungere una salvezza che al momento appare molto complicata. Qatar evoca grande disponibilità economica, se pensiamo al PSG, ma va precisato che la Sampdoria non si legherebbe al club francese: il nuovo proprietario non sarebbe il fondo sovrano di Doha, ma solo un esponente di secondo piano della famiglia reale.

Non sono ancora stati annunciati quali passi verranno effettuati sul mercato, sia per quanto riguarda i giocatori sia per l’allenatore. Dovrebbe però cambiare il presidente: non più Marco Lanna, ma Gianluca Vialli, una nomina simbolica molto importante. L’ex-centravanti sarebbe già al lavoro con Ivano Bonetti – che entrerà a sua volta nei quadri dirigenziali – per il calciomercato.