HomeCalciomercatoLa Roma ha deciso: per la fascia si punta su Celik

La Roma ha deciso: per la fascia si punta su Celik

La ricerca di un terzino destro da parte della Roma potrebbe concludersi a Lille: nel mirino c’è Zeki Celik, laterale turco classe 1997

Il casting della Roma per riempire la slot del terzino destro continua. La società giallorossa ha messo nel mirino Zeki Celik, laterale del Lille nonché uno dei gioielli in vetrina di un club che, in questo preciso momento storico, ha massima esigenza di vendere. Infatti, il LOSC non se la passa affatto bene: l’ormai ex presidente Gerard Lopez, accertata la montagna di debiti nonostante le cessioni eccellenti, ha dovuto lasciare la mano.

Al suo posto è subentrato un fondo londinese, che ora deve riordinare i conti. Basta quindi chiedere, mettere sul piatto la cifra giusta e il Lille si siede sicuramente al tavolo per parlare di chiunque. Celik è il profilo preferito per una fascia destra che, al momento, può contare solo su Karsdorp e Bruno Peres. Con quest’ultimo ai margini e potenzialmente in uscita, le quotazioni del ragazzo di Bursa salgono vertiginosamente.

celik
Fonte immagine: @zekicelik17 (Instagram)

Celik – Roma, cifre e modalità

Merlyn Advisor avrebbe aperto un canale di comunicazione con la Roma grazie alla mediazione di Alessandro Barnaba, consulente finanziario sia del fondo inglese che della famiglia Friedkin. Questi ultimi si sono avvalso della sua collaborazione proprio per la scalata alla Roma: tra le parti c’è quindi fiducia e la voglia di lavorare ancora assieme.

Tiago Pinto, responsabile di mercato dei giallorossi, ha già quindi dato l’ok al Lille per scoprire le richieste economiche: secondo alcune indiscrezioni, i francesi valuterebbero Celik circa 15 milioni di euro, ma il bisogno di incassare qualche soldo sonante potrebbe anche far scendere i Dogues a più miti consigli.

Si ipotizza una possibile chiusura sui 10 milioni di euro, magari inserendo un prestito oneroso iniziale e un obbligo di riscatto al posto del diritto, in modo tale da permettere ai francesi di avere qualche certezza in più. Celik ha 23 anni, potenziale di crescita senza orizzonti, prospettive di ottimo livello e rientra nel target economico della Roma. Ora, serve solo più l’ultimo affondo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mehmet Zeki Çelik (@zekicelik17)

Gli inizi e la consacrazione

Classe 1997, Zeki Celik comincia la sua ascesa nella terza serie turca per poi passare all’Instanbulspor, una delle realtà marginali della Turchia, paese nel quale è nato e calcisticamente cresciuto. In due stagioni mette assieme una settantina di presenze, che gli valgono la chiamata del Lille. Celik è un pallino di Luis Campos, probabilmente il miglior talent scout attualmente in circolazione.

Campos lo porta in Francia e lo consegna a Galtier, che tra un esperimento e l’altro lo trasforma in una pedina imprescindibile per la sua squadra. Celik è forte ma anche duttile, intelligente e parallelamente adattabile: con il Lille, a oggi ha sforato quota 80 gettoni di presenza, mettendosi in vetrina anche in Champions League.

celik
Fonte immagine: @zekicelik17 (Instagram)

Chi è Celik, caratteristiche tecniche e ruolo

Zeki Celik è un terzino destro molto bravo ad abbinare entrambe le fasi di gioco. Difensivamente è probabilmente uno dei difensori con il miglior rendimento dell’intera Ligue 1, campionato nel quale è sbarcato nel 2018 in cambio di 2,5 milioni di euro. La fascia è il suo habitat naturale: possiede una buona corsa, discrete doti fisico-atletiche ed è molto efficace in copertura.

In questi anni però Galtier lo ha talvolta adattato a laterale a tutta fascia, ruolo che nella Roma andrebbe a ricoprire con una certa continuità, ma anche come centrale difensivo sia a tre che a quattro. Insomma, essendo quella giallorossa una specie di realtà tattica molto fluida, Celik potrebbe essere un innesto davvero molto interessante.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti