Baldanzi strega la Serie A: chi è il gioiello dell’Empoli e chi può prenderlo

0
baldanzi empoli
Fonte: Image Photo

Tommaso Baldanzi è il nuovo astro nascente del calcio italiano: a soli 19 anni ha già stregato la Serie A, e l’Empoli ora inizia ad andargli stretto.

Qui sono stati lanciati Samuele Ricci, Mattia Viti, Kristjan Asllani, Hamed Junior Traoré e Ismael Bennacer, ma forse il veroi gioiello dell’Empoli sarà Tommaso Baldanzi, il 2003 che con la rete di ieri all’Udinese è già a quota 3 gol in 7 partite di Serie A. Qualche settimana fa poteva essere una sorpresa, ma adesso il centrocampista nativo di Poggibonsi sta iniziando a dare anche qualche certezza.

In un momento in cui il calcio italiano fatica a esprimere giocatori di talento ed è ancora alla ricerca di una nuova speranza per il futuro, il giocatore dell’Empoli si pone oggi come importante candidato per una maglia della nazionale. E se le sue prestazioni continueranno su questa china, presto la cittadina toscana gli starà stretta. Infatti ha già alcuni occhi addosso.

Chi è Tommaso Baldanzi

Nato a Poggibonsi, in provincia di Siena, il 23 marzo 2003, Baldanzi è cresciuto a Castelfiorentino, mettendosi in mostra nella squadra locale. L’Empoli lo ha scovato qui nel 2011, aggiungendolo al proprio settore giovanile, con cui nel 2019 ha vinto un campionato italiano U16. La squadra, trionfatrice in finale contro l’Inter, era allenata da Antonio Buscé, oggi tecnico della Primavera empolese.

Da lì, ha iniziato a bruciare le tappe, arrivando a esordire tra i professionisti già il 28 ottobre 2020, in Coppa Italia contro il Benevento, lanciato da Alessio Dionisi, oggi alla guida del Sassuolo. Esordio con assist, peraltro, a certificare un talento non comune. E, a termine di quella stagione iniziata così bene, Baldanzi ha anche conquistato a sorpresa il titolo Primavera italiano, che ha confermato il valore straordinario di quella generazione di calciatori.

Nel corso della stagione seguente ha convinto anche Aurelio Andreazzoli, che lo ha aggregato alla squadra maggiore e infine lo ha fatto esordire in Serie A, il 22 maggio 2022 contro l’Atalanta. Tre mesi dopo, il nuovo allenatore dell’Empoli Paolo Zanetti lo schierava già per 90 minuti pieni alla terza di campionato contro il Lecce. Successivamente, Baldanzi ha realizzato tre gol: un già alla seconda partita, al Verona; il secondo a inizio novembre al Sassuolo; e il terzo appunto nella prima gara del 2023 contro l’Udinese.

Baldanzi come gioca: ruolo e caratteristiche

Trequartista centrale di piede mancino naturale (ma ormai è ambidestro), Tommaso Baldanzi può disimpegnarsi anche nel ruolo di centrocampista centrale con caratteristiche da mezzala offensiva. È in possesso di un’ottima tecnica e di un gran controllo palla, che uniti alla sua visione di gioco ne fanno un preziosissimo suggeritore per i compagni. Come detto, infatti, il suo esordio tra i professionisti, a soli 17 anni, è stato bagnato da un assist per Leonardo Mancuso. E ancora ieri sera contro l’Udinese, l’azione del gol nasce da un suo geniale passaggio che innesca Caputo.

In passato è stato paragonato ad altri trequartisti brevilinei (è alto 170 centimetri) e molto tecnici e fantasiosi, come Sebastian Giovinco e il Papu Gomez, anche se lui ha detto di ispirarsi a Paulo Dybala.

Baldanzi calciomercato: chi segue il talento dell’Empoli

Il ragazzo dell’Empoli è uno dei maggiori talenti italiani under-20 in ascesa in questo momento, e le sue prestazioni di questa stagione stanno attirando grande interesse. A partire ovviamente da quello del ct Roberto Mancini, che prima ancora di vederlo portare l’U19 in semifinale degli Europei di categoria la scorsa estate aveva deciso di convocarlo per lo stage della nazionale maggiore.

Poi c’è il Napoli, coin il ds Giuntoli molto interessato ai giovani di grande prospettiva. Il club partenopeo ha già inviato alcuni osservatori a seguire da vicino Baldanzi a inizio novembre, anche se non è chiaro che ruolo potrebbe avere nel 4-3-3 di Spalletti, se non adattandosi come mezzala (in caso di partenza di Zielinski) o all’ala sinistra (se dovesse partire invece Kvaratskhelia). Ma sulle tracce del talento empolese c’è pure l’Inter, principale avversaria del Napoli nella corsa al giocatore. Più dietro, ma da non sottovalutare, si intravedono anche il Milan e il Sassuolo, che con Dionisi in panchina potrebbe avere un’arma in più per convincere baldanzi a trasferirsi in neroverde.