HomeCalciomercatoLunev, un portiere russo conteso tra Bologna e Torino

Lunev, un portiere russo conteso tra Bologna e Torino

Andrej Lunev, in scadenza con lo Zenit campione di Russia e prossimo convocato per gli Europei, è nel mirino di vari club internazionali, tra cui anche Bologna e Torino.

LEGGI ANCHE: Il muro bulgaro che assomiglia a Skriniar: Antov, il nuovo acquisto del Bologna

Rimbalza dalla Russia la notizia sul nuovo obiettivo di mercato di due club di Serie A: secondo SportBox, Bologna e Torino sarebbero interessati a Andrej Lunev, estremo difensore dello Zenit San Pietroburgo, in scadenza di contratto con il club russo.

30 anni il prossimo 13 novembre, il giocatore originario di Mosca è da quattro stagioni il titolare tra i pali dello Zenit, che quest’anno ha vinto il suo terzo campionato consecutivo, ed è inoltre nel giro della Nazionale, con cui concorrerà ai prossimi Europei.

L’uomo della svolta dello Zenit

LEGGI ANCHE: Il mea culpa di Nicola non nasconde i problemi del Torino

Cresciuto nella Torpedo Mosca, Lunev ci ha impiegato un po’ per emergere nel calcio russo: ai suoi tempi, il club moscovita giocava in seconda divisione, ma lui non riusciva a trovare spazio, cosa che lo costrinse a diversi prestiti nelle categorie inferiori.

Con Kaluga e Saturn, in terza serie, ha offerto buone prestazioni, che gli sono valsi un trasferimento all’Ufa, club di prima divisione, nell’estate del 2015. Qui si è ritrovato a fare da riserva del più esperto David Yurchenko, ma nella sua seconda annata in Baschiria ha scalato rapidamente le posizioni, andando a contendere il ruolo da titolare al nuovo arrivato Aleksandr Belenov.

LEGGI ANCHE: Alla scoperta del FK Sochi, il club emergente del calcio russo

Così, nel gennaio 2017, Andrej Lunev ha ottenuto improvvisamente la prima grande occasione della sua carriera, venendo acquistato per 3,5 milioni di euro dallo Zenit San Pietroburgo, una delle società più ricche e blasonate di Russia. In breve, convinse l’allenatore Mircea Lucescu a preferirlo a Yuri Lodygin, e da quel momento divenne un punto fermo dello Zenit e uno dei migliori portieri di Russia.

A San Pietroburgo, Lunev è stato protagonista della rinascita del club di proprietà del colosso energetico Gazprom, che nel 2019 è tornato a vincere uno scudetto che mancava da quattro anni, e da allora si è sempre confermato campione nazionale, prendendo regolarmente parte alle coppe europee (proprio nel 2019, ha raggiunto gli ottavi di Europa League).

Andrej Lunev, come gioca

LEGGI ANCHE: Rinnovo, ruolo, motivazioni: la crisi di Belotti inguaia il Torino

189 centimentri d’altezza, Lunev è un portiere reattivo e con una buona prestanza fisica, che allo Zenit si è messo in mostra soprattutto per le due doti di leadership. La sua carriera fin qui è la prova di un carattere forte, che gli ha permesso di supplire a difetti tecnici e riuscire comunque a imporsi in un campionato di buon livello come quello russo.

Non avendo mai giocato in contesti esterni a quello del proprio paese natale, forse non è un giocatore particolarmente indicato per essere una prima scelta in un campionato come la Serie A, ma potrebbe rivelarsi una valida alternativa. Occorrerà soprattutto vedere come ha recuperato dall’infortunio muscolare che gli ha fatto saltare quasi tutta la prima parte della stagione.

Le trattative per Lunev

LEGGI ANCHE: Scontri diretti Torino-Benevento: cosa succede in caso di parità

L’estremo difensore russo sembra aver rotto definitivamente con lo Zenit, rifiutando l’ultima offerta contrattuale, ritenuta troppo bassa rispetto al suo valore, e quindi a fine giugno si svincolerà a parametro zero. Sia Bologna che Torino hanno già un portiere titolare, ma sono alla ricerca di una riserva: gli emiliani non rinnoveranno Da Costa, ormai 37enne, mentre i Granata hanno in scadenza entrambi i vice di Sirigu, Milinkovic-Savic e Ujkani.

Su Andrej Lunev, però, ci sono gli occhi anche di altri due club internazionali: il Brighton, che così rimpiazzerebbe il terzo portiere Chris Walton, e soprattutto il Besiktas fresco campione di Turchia, che aveva già cercato il russo a gennaio, e sarebbe interessato ad affiancare un giocatore esperto alla promessa Destanoglu in vista della prossima Champions League.

LEGGI ANCHE: Il Besiktas ha vinto la Super Lig dopo una volata emozionante

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti