HomeNotizieAmichevoli Inter: il calendario delle partite estive

Amichevoli Inter: il calendario delle partite estive

L’Inter di Simone Inzaghi si appresta a vivere un’estate all’insegna del calcio internazionale. Dopo la vittoria dello scudetto, ecco le amichevoli in vista della prossima stagione. 

Lo scudetto, il cambio di allenatore, la cessione di Hakimi, l’arrivo di Calhanoglu, la vittoria dell’Europeo di Barella e Bastoni e quella in Copa America di Lautaro. L’estate dell’Inter è stata fin qui già abbastanza movimentata, ma pare essere solo l’inizio. 

Al netto del mercato che proseguirà, i nerazzurri hanno fissato una serie di amichevoli suddivise tra Europa (principalmente in Italia) e America che li terranno impegnati fino a metà agosto. 

Leggi anche | Ritiri squadre Serie A: date e luoghi 

Amichevoli Inter: il calendario 

Una serie di impegni estivi volti a preparare la stagione nel migliore dei modi: si è partiti lo scorso 8 luglio ad Appiano Gentile, nel cuore del Suning Training Center con il raduno alla presenza di un contingente di tifosi. 

Sabato 17 luglio è arrivato poi il primo impegno del precampionato, con i nerazzurri che hanno giocato contro il Lugano nella Lugano Region Cup. I nerazzurri si sono imposti ai rigori, recuperando il 2-0 iniziale con le reti di D’Ambrosio e Satriano. Sugli scudi Dimarco, autore di una grande partita sulla fascia sinistra.

Al termine di questa prima coppa estiva, l’Inter doveva un volo in direzione Florida, Stati Uniti, dove ad attendere i ragazzi di Simone Inzaghi ci sarebbe stata la Florida Cup, in compartecipazione con Arsenal, Everton e Millionarios, ma il viaggio è saltato per problemi legati al Covid. 

Leggi anche | Calciomercato Serie A: tutte le trattative 2021/2022 

L’Inter ha dunque giocato un’amichevole, chiusa al pubblico, contro la Pro Vercelli, vinta 4-0. Ora, il prossimo impegno dei nerazzurri sarà l’8 agosto contro il Parma, poi ci sarà la sfida con la Dinamo Kiev il 14.

 

Ecco il calendario completo: 

  • 17 luglio Lugano-Inter 5-6 dtr (Stadio Cornaredo)
  • 21 luglio Inter-Pro Vercelli 4-0
  • 8 agosto Inter-Parma
  • 14 agosto Inter-Dinamo Kiev (Mapei Stadium, Reggio Emilia)

Simone Inzaghi, le parole al raduno 

Simone Inzaghi e l’Inter si sono cercati, voluti e trovati in pochissimo tempo. Dall’addio di Conte all’arrivo dell’ex tecnico della Lazio non sono passati che una manciata di giorni e il rapporto è sembrato subito decollare. 

Al raduno – in cui saranno presenti 19 giocatori della prima squadra più 5 esponenti della primavera – il tecnico nerazzurro ha così parlato in vista della prossima stagione: 

“Grande entusiasmo e motivazioni. Scudetto da difendere e obiettivo crescere in Champions. Mercato? Mi era stata prospettata la partenza di Hakimi, ma la società mi ha promesso che rimarremo competivi e forti. Calhanoglu era nella mia testa da tempo. Eriksen deve stare tranquillo, lo aspetterò a braccia aperte.”

Su Calhanoglu: 

“Calhanoglu l’ho affrontato più volte. Un giocatore di qualità e quantità. Bravo sui calci piazzati. C’era nella mia testa da tempo. Potrà darci grandi soddisfazioni”.

Leggi anche | Da Wembley a Wembley: è la vittoria di Roberto Mancini

Su Di Marco: 

“Dimarco ha fatto molto bene a Verona. Ha dimostrato di saper fare la Serie A. Come tutti gli altri li valuterò. E’ chiaro che è un giocatore sui cui puntiamo. Perisic? Un altro giocatore importante e che aspetto. E penso che farà molto bene nel nostro sistema”.

E di seguito è intervenuto Marotta a presentare alt tecnico e a parlare del mercato attuale: 

“Con Inzaghi il progetto continua ed è in buone mani. È un giovane allenatore ma non privo di esperienza. Abbiamo dovuto fare scelte dolorose, come cedere Hakimi che era un giocatore importante. L’auspicio ora è anche quello che possa tornare il nostro pubblico, senza di loro è stato triste”. 

maglia inter 2022
Fonte: @footyheadlinesofficial (Instagram)

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Simone Mannarino
Simone Mannarino
Classe '94 e laureato in Storia all'Università Statale di Milano, ama il calcio in ogni sua forma ed espressione. Alla costante ricerca di storie da raccontare che permettano di andare oltre ciò che vediamo tutte le domeniche.

Articoli recenti