Scandalo Sergio Ramos: voleva truccare il Pallone d’Oro. Cosa succede e cosa rischia

Scandalo in Spagna: Sergio Ramos è accustao di aver cercato di truccare l’assegnazione del Pallone d’Oro. Spieghiamo bene cosa sta succedendo.

Gli ultimi anni sono stati davvero difficili per Sergio Ramos, tra infortuni a catena, esclusione dalla Nazionale, addio al Real Madrid e una stagione anonima al PSG, ma quanto rivelato ora dalla stampa iberica è anche peggio.

Secondo le accuse che stanno circolando in queste ore, il 36enne difensore andaluso avrebbe addirittura cercato di truccare un’edizione del Pallone d’Oro in proprio favore, e ora rischia serie ripercussioni sia a livello d’immagine che di carriera, se non peggio. Spieghiamo bene cosa sta succedendo al centrale del PSG.

Scandalo Sergio Ramos: cosa succede

La rivelazione arriva dalla testata spagnola El Confidencial, che il 30 giugno ha pubblicato la notizia di un dialogo telefonico tra Sergio Ramos e il presidente della Federcalcio spagnola Luis Rubiales avvenuto nel 2019, nel quale l’allora difensore del Real Madrid chiedeva un aiuto politico per arrivare a vincere quell’edizione del Pallone d’Oro. “Ti ringrazierei per tutta la vita” lo pregava Ramos.

Inizialmente, El Confidencial ha riportato unicamente la trascrizione del dialogo, assicurando di aver ascoltato l’audio originale della conversazione. Una lettura delle parole di Ramos a Rubiales è stata poi diffusa il giorno seguente, il 1° luglio, sul sito del giornale, e finora non ci sono state smentite da parte di nessuna delle persone coinvolte.

L’audio di questa intercettazione telefonica è stato registrato dalla magistratura spagnola nell’ambito di un’indagine che coinvolge direttamente il capo della Federcalcio iberica, al centro di un’inchiesta che riguarda anche il difensore del Barcellona Gerard Pique: Rubiales e Piqué sono accusati di aver preso soldi dal governo dell’Arabia Saudita per assegnare al Paese arabo l’organizzazione della Supercoppa spagnola del 2019.

In particolare, il calciatore avrebbe spinto per far investire ai sauditi 40 milioni di euro nel progetto, destinando 8 alla sua squadra, il Barcellona. Oltre a questo, Piqué avrebbe guadagnato personalmente dal progetto, grazie a una commissione da 4 milioni di euro annuali riconosciuta dall’Arabia Saudita alla sua società Kosmos, in qualità di mediatrice tra il governo di Riyad e la Federcalcio di Madrid.

Cosa si sono detti Sergio Ramos e Rubiales: le parole esatte

Dalle trascrizione della telefonata riportate da El Confidencial, sappiamo cosa si sono effettivamente detti Sergio Ramos e Rubiales nel 2019. Il giocatore avrebbe esordito chiedendo esplicitamente l’intervento del presidente della RFEF per aiutarlo a vincere il Pallone d’Oro in quell’anno (andato poi a Leo Messi).

Sergio Ramos: “Rubi, buona notte. Sai che non ti ho mai chiesto niente, ma se voglio farlo oggi è perché penso che sia un anno speciale per le prestazioni che ho fornito. Mi piacerebbe che tu mi aiutassi in ogni modo possibile e utilizzassi i tuoi contatti UEFA a proposito del Pallone d’Oro. Ti ringrazierei tutta la vita, non solo per me ma anche perché penso che il calcio spagnolo lo meriti molto. Ti mando un abbraccio.”

Luis Rubiales: “Ciao, Sergio. Innanzitutto complimenti, penso che sia un buon anno per te per vincerlo. Ovviamente non dipende da me il Pallone d’Oro, ma per quanto ti posso aiutare, contaci. Un grande abbraccio.”

Sergio Ramos: “Lo so che non dipende da te, ma anche le relazioni sono fondamentali. Insomma, conto sul tuo aiuto.”

Cosa rischia Sergio Ramos

Il contenuto riportato finora da El Confidencial non sembra qualificare al momento nessun reato: il difensore del Real Madrid ha chiesto un non meglio precisato aiuto a Rubiales, il quale gli ha risposto che la faccenda non dipendeva da lui (cosa vera: infatti, il Pallone d’Oro viene assegnato tramite votazione di 180 giornalisti da diverse nazioni).

Impossibile dunque parlare di corruzione, visto che Ramos non promette nulla in cambio a Rubiales, il quale comunque non mostra esplicitamente di aver acconsentito a fare qualcosa di illecito per sostenere il calciatore. Da escludere, al momento, anche l’ipotesi di multe o squalifiche per Ramos.

Sicuramente, l’ex-Nazionale spagnolo non ne esce molto bene da questa vicenda, a livello d’immagine. Non solo per aver cercato un aiuto politico per vincere il premio (in cui storicamente i difensori non hanno grande possibilità di piazzarsi sul gradino più alto del podio), ma anche per l’ingenuità con cui si è rivolto a una persona che aveva ben poche possibilità di sostenerne concretamente la causa.