Romagnoli è della Lazio: ecco quanto costa il difensore a Lotito

romagnoli
Fonte: Image Photo

Definito il trasferimento di Romagnoli dal Milan alla Lazio: il difensore arriva finalmente nella sua squadra del cuore, ma è quanto verrà pagato?

Negli ultimi anni ha perso un po’ del suo smalto, ma Alessio Romagnoli resta uno dei difensori potenzialmente migliori in Serie A, e il suo arrivo alla Lazio può essere un piccolo colpo in grado mettere a posto la retroguardia biancoceleste.

Un rinforzo necessario e richiesto espressamente da Maurizio Sarri, dopo che nella scorsa stagione la Lazio aveva chiuso con 58 gol subiti: peggio difesa tra le prime sette della classifica. Ma il vero elemento di pregio dell’operazione che ha portato all’Olimpico il centrale del Milan e della Nazionale riguarda l’aspetto economico.

Quanto è costato Romagnoli alla Lazio

Tifoso laziale da sempre, nonostante sia cresciuto nelle giovanili della Roma, a 27 anni Romagnoli è davanti a un momento fondamentale della sua carriera: l’occasione per il rilancio, dopo essere stato declassato al Milan da Tomori. In biancoceleste troverà fiducia e spazio per rimettersi al meglio della forma, nella speranza possa tornare a far vedere quelle cose che, ai tempi della Sampdoria, lo avevano fatto paragonare addirittura a un possibile erede di Alessandro Nesta (guarda caso, una bandiera della Lazio).

Arriva dal Milan a parametro zero, quindi senza che Lotito spenda un euro per il trasferimento. A bilancio, per la Lazio, andranno solamente le spese d’ingaggio: la chiusura è stata trovata su un quinquiennale da 3 milioni l’anno più bonus, che rappresentano un bel passo indietro per il difensore, visto che a Milan prendeva 5,5 milioni l’anno.

Ma la volontà di trovare un nuovo contratto dopo essere rimasto di fatto svincolato dai rossoneri era abbastanza forte da ridurre le sue richieste, consapevole che in questo momento in Italia non avrebbe trovato nessuno disposto a pagarlo quanto avvenuto negli ultimi anni al Milan.

Alla Lazio probabilmente andrà a sostituire Acerbi, per certo in partenza e nel mirino dei rossoneri, anche se ovviamente il suo eventuale approdo ai campioni d’Italia non rientra nella trattativa relativa a Romagnoli.