HomeCalciomercatoPremier League, 3 possibili colpi di mercato al fotofinish

Premier League, 3 possibili colpi di mercato al fotofinish

Il dispendioso mercato della Premier League potrebbe non essere ancora finito: ecco tre possibili colpi degli ultimi giorni

La Premier League è già cominciata ma il mercato, come da prassi, è ancora in pieno svolgimento. Quello inglese è il torneo che quest’estate ha speso più soldi per acquistare calciatori, come se la crisi postpandemica avesse colpito tutti in maniera trasversalmente a eccezione del torneo più ricco al mondo.

Di movimenti importanti ce ne sono stati tanti, da Grealish al Manchester City passando per Romelu Lukaku, di ritorno al Chelsea, e l’accoppiata composta da Jadon Sancho e Raphael Varane bloccata dal Manchester United. La sensazione però è che i botti non siano ancora conclusi: cosa può succedere da qui al 31 agosto?

nandez
Nahitan Nandez of Cagliari Calcio in action during the Serie A football match between SS Lazio and Cagliari Calcio at Olimpico stadium in Rome (Italy), February 7th, 2021. Photo Andrea Staccioli / Insidefoto

Premier League, arriva anche Nandez?

In rottura con il Cagliari, Nahitan Nandez sembrava a un passo dall’Inter prima che i nerazzurri ufficializzassero Denzel Dumfries. Così le sirene della Premier League sono tornate a risuonare, forti e convincenti.

Se un mese fu il Leeds a farsi seriamente sotto su imbeccata di Marcelo Bielsa, oggi il centrocampista rossoblu è finito sul taccuino di Fabio Paratici, direttore sportivo del Tottenham. Gli Spurs hanno un discreto gruzzoletto da spendere, che potrebbe aumentare qualora Harry Kane dovesse approdare alla corte di Guardiola.

Nandez ha un contratto in scadenza nel 2024 ma ha già manifestato l’intenzione di volersene andare via da Cagliari, tanto è vero che anche Leonardo Semplici è stato molto chiaro, affermando che tra di loro non ci sono problemi ma prima ci sono da risolvere delle questioni con la dirigenza.

odegaard
Fonte: Instagram @odegaard.98

L’Arsenal (ri)chiama Odegaard

Dopo una stagione più che discreta con la maglia dell’Arsenal, Martin Odegaard è rientrato al Real Madrid per fine prestito. Tuttavia, da tempo i Gunners si stanno adoperando per far sì che il norvegese possa tornare a Londra, dove ad aspettarlo c’è Mikel Arteta.

Il manager basco, bisognoso di un po’ di qualità nel cuore della manovra, lo riaccoglierebbe molto volentieri. Contrariamente all’anno scorso però, il Madrid potrebbe decidere di privarsene solo a titolo definitivo: ergo, l’Arsenal dovrà utilizzare degli argomenti – leggasi soldi – molto convincenti.

Da gennaio in poi Odegaard ha chiuso con 20 presenze, 2 gol e altrettanti assist. Con il Real ha un contratto in scadenza nel 2023.

Lingard
Fonte: profilo ufficiale Twitter @jesselingard

Il futuro di Lingard

Quando nello scorso mese di gennaio il West Ham affidò la propria sorte a Jesse Lingard, in molti pensavano che fosse quasi impossibile rilanciare il bad boy di casa Manchester United. David Moyes invece ce l’ha fatta, valorizzando il talento di un ragazzo famoso più per i suoi colpi di testa extra sportivi che per le oggettive qualità in suo possesso.

Con gli Hammers, che adesso vorrebbero riportarlo in quel di Londra, Lingard ha chiuso con 9 gol e 5 assist in 16 presenze. Numeri di tutto rispetto, fondamentali per spingere il West Ham fino alla qualificazione all’Europa League.

I tifosi non hanno preso molto bene alcune dichiarazioni pro United, ma qualora l’esterno di Warrinton dovesse tornare da Moyes, vasterà qualche giocata delle sue per recuperare la fiducia dell’intero ambiente.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da JLingz (@jesselingard)

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti