Perisic addio all’Inter? Dove va il croato

Si fa sempre più incerto il futuro di Ivan Perisic: il croato è chiamato a prendere una decisione sulla sua prossima destinazione.

Uno dei temi più caldi del momento, destinato a incendiare i giorni roventi di calciomercato, è senza dubbio quello legato al futuro di Ivan Perisic. Il croato è in scadenza con l’Inter e l’accordo per il rinnovo sembra lontanissimo. I nerazzurri vorrebbero prolungare il contratto dell’esterno, che però non sembra disposto ad accettare cifre a ribasso e si è mostrato molto infastidito per le lunghe tempistiche con cui la trattativa è stata trattata. Dal canto suo, l’Inter non vuole accontentare le richieste di Perisic, nel dettaglio non vuole concedere un triennale a cifre consistenti a un giocatore di 34 anni. Il braccio di ferro sembra irrisolvibile e Juventus e Chelsea restano alla finestra: presto il croato dovrà prendere una decisione sul suo futuro.

Perisic-Inter: lo strappo è sanabile?

Ivan Perisic non ha mai nascosto di trovarsi molto bene a Milano e quest’anno è stato uno dei giocatori più importanti per Simone Inzaghi. L’Inter però nella trattativa per il rinnovo ha una posizione di forza, perché si è tutelata con l’acquisto di Gosens e può permettersi di non cedere alle richieste del croato, puntando anche sull’età avanzata del giocatore.

I nerazzurri sono fermi sulla loro posizione e difficilmente si smuoveranno, sta a Perisic dunque scegliere se abbassare le proprie richieste per rimanere all’Inter o se salutare i nerazzurri. Lo strappo è sanabile solo se Perisic decide di fare un passi incontro all’Inter: il movimento contrario sembra ormai sempre più improbabile.

Perisic via dall’Inter: quale futuro?

Ad oggi, il futuro di Perisic sembra sempre più lontano dall’Inter e alla finestra ci sono soprattutto due squadre: Juventus e Chelsea. I bianconeri hanno manifestato un forte interesse, ma le cifre alte richieste dal croato fanno un po’ storcere il naso. Più che altro, la decisione di non prolungare il contratto di Dybala e poi concedere un biennale (almeno) di 6 milioni a un giocatore di 34 anni sembra un controsenso. Il croato potrebbe però essere considerato più funzionale e lo sforzo economico giustificato in questo senso, ma non sembra una mossa economicamente troppo sostenibile per la Vecchia Signora.

Più abbordabile l’operazione per il Chelsea, che ha meno questioni economiche da affrontare e soprattutto potrebbe inserire Perisic nel ruolo in cui ha giocato negli ultimi anni a Milano, ovvero da quinto a centrocampo. Da capire però se i londinesi vogliano affondare il colpo o preferiscano magari un profilo più giovane e futuribile.

In tutto questo c’è da capire cosa vorrà fare Perisic, quali sono le sue preferenze e le sue priorità. Ciò che è certo è che presto il croato è chiamato a prendere una decisione sul suo futuro.