HomeNotiziePerché Jorginho gioca nella Nazionale italiana?

Perché Jorginho gioca nella Nazionale italiana?

Perché Jorginho è italiano? Il centrocampista brasiliano, perno degli Azzurri, si porta dietro una lunga storia legata all’immigrazione

Vedendolo dominare a centrocampo con la maglia azzurra e il numero 8 sulle spalle, in molti si saranno chiesti il perché Jorginho è italiano. Il classe 1991, come ovviamente tutti sanno, è di chiare origini brasiliane, essendo nato nello stato di Santa Catarina.

Arrivato in Italia nel 2010 su imbeccata di uno scouting che ai tempi collaborava col Verona, il centrocampista originario di Imbituba ci ha messo poco a imporsi anche in Serie A, al centro di una squadra che, grazie al lavoro di Mandorlini, gli ha permesso di mettersi in mostra.

Poi Napoli, sotto Sarri, e infine Chelsea, club col quale a oggi ha vinto praticamente tutto. Il suo arrivo a Londra è datato 2018, quando Jorginho decise di volare in Inghilterra e il Napoli incassò così oltre 57 milioni di euro.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jorginho Frello (@jorginhofrello)

Perché Jorginho è italiano?

Come anticipato, Jorginho è nato in Brasile da genitori entrambi del posto. Tuttavia, suo padre ha discendenze italiane. Infatti, da parte paterna la famiglia Frello è originaria di Santa Caterina di Luisiana Conco, un piccolo paese situato in provincia di Vicenza, che i suoi antenati ai tempi lasciarono per andare a cercare fortuna in Brasile.

Questa parentela gli ha permesso prima di richiedere e poi di completare l’iter per la naturalizzazione italiana. Nel 2016, più precisamente nel mese di marzo, Jorginho ha fatto il suo esordio con l’Italia. Da allora, breve parentesi Ventura a parte, è diventato una pietra angolare, soprattutto per Mancini che lo ha piazzato davanti alla difesa nel suo 4-3-3.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti