Paratici inibito Tottenham in attesa: cosa succede ora con Zaniolo

fabio paratici juventus
Fonte: Image Photo

Paratici è il direttore sportivo del Tottenham che vorrebbe portare a Londra Zaniolo, ma la sua condanna per il caso Juve plusvalenze lo ha messo in cattiva luce agli Spurs.

Un bel guaio per Fabio Paratici adesso che è stato inibito per due anni e mezzo, mica pochi, dalla giustizia sportiva italiana. Al Tottenham vorrebbero vederci chiaro e non sono esclusi ribaltoni o bruschi stop alle trattative che stava conducendo il direttore sportivo. Tra queste, la più recente e “calda”, quella per portare a Londra dalla Roma Nicolò Zaniolo, in rottura totale con l’ambiente giallorosso. Si parla di 30 milioni cash per averlo subito, con anche il West Ham interessato, ma la prospettiva di giocare la Champions League o comunque di stare in una squadra di alto livello fa preferire il Tottenham al giovane talento nostrano.

Paratici Tottenham Zaniolo gli intrecci

Il Tottenham peraltro non è messo benissimo in Premier League dopo la rimonta subita in settimana dal Manchester City, da 0-2 a 4-2 nel giro di un tempo. Gli Spurs infatti sono quinti in classifica a 5 punti dalla zona-Champions, occupata dal Newcastle, ma con una partita giocata in più. Tre sconfitte nelle ultime quattro partite di campionato sono un discreto campanello d’allarme per il Tottenham. Quindi il distacco rischia di aumentare, in più di rincorsa stanno risalendo la classifica sia il Fulham che il Brighton di De Zerbi. C’è l’ottavo di finale contro il Milan da disputare, e sappiamo come stanno i rossoneri (male), ma gli Spurs non brillano e anche per questo motivo Paratici ha iniziato a sondare il mercato per rinforzare la rosa di Antonio Conte.

Tra i nomi più caldi c’è appunto quello di Nicolò Zaniolo, che si è “auto-eliminato” dalla Roma, lamentando fastidi fisici prima (chissà, forse diplomatici) e poi rendendosi indisponibile per la trasferta di campionato di La Spezia. Mourinho e il ds Pinto si sono sentiti spiazzati da questo comportamento del numero 22, sempre più vicino alla rottura con i giallorossi. In dieci giorni di calciomercato c’è quindi da risolvere una grana consistente per la Roma, riuscire a incassare una buona somma e trovare un sostituto. Il Tottenham è lì che aspetta l’evolversi della situazione, con Paratici a scrutare l’orizzonte delle trattative, ma il club londinese pare non aver preso bene la condanna della giustizia sportiva italiana e quindi potrebbe bloccare tutto.

Lo rivelano anche i tabloid inglesi, di un Tottenham irritato con Paratici, che negli ultimi anni agli Spurs ha portato proprio dalla Juve, per esempio, Kulusevski e Bentancur, che almeno hanno avuto un buonissimo impatto sulla squadra. Gli stessi tifosi degli Spurs sui social stanno chiedendo le dimissioni di Fabio Paratici, una situazione da tenere sotto controllo perché coinvolge direttamente l’affare Zaniolo. Un eventuale addio del direttore sportivo innescherebbe così un effetto domino con Zaniolo costretto a rimanere a Roma (scontento, quasi fuori rosa), il Tottenham che si orienterebbe su altri obiettivi o forse altri club pronti a tuffarsi sul giocatore, spendendo sempre una cifra vicina ai 30 milioni di euro chiesti dai giallorossi.