La squadra che ha avuto come giocatori Scaloni e Regragui

regragui scaloni mondiali 2022
Fonte: Image Photo

Mondiali 2022. C’è una squadra che ha avuto nella stessa stagione, da giocatori, Scaloni e Regragui, due degli allenatori protagonisti di questa Coppa del Mondo.

Il Racing Santander tra il 2006 e il 2007 nella Liga chiuse al decimo posto in classifica con 50 punti. In rosa c’erano Scaloni e Regragui, attuali ct di Argentina e Marocco, entranbe semifinaliste dei Mondiali 2022 in Qatar.

Scaloni Regragui la curiosità sui ct dei Mondiali 2022

Oggi il Racing Santander milita in Segunda Division, la Serie B spagnola, ma in precedenza era rimasto a lungo nelle categorie inferiori. C’è stata un’epoca invece in cui era una squadra della media borghesia spagnola, con ambizioni anche di partecipazioni alle coppe europee.

Per dieci anni esatti, dal 2002 al 2012, il Racing rimase nella Liga, anche con allenatori di nome come Cuper e Marcelino. In mezzo anche cambi societari che senza dubbio non contribuirono a cementare la stabilità del club.

Allo stadio El Sardinero iniziarono a veder arrivare di tutto, compreso un attaccante di 2.02 serbo che però si districava abbastanza bene, era Ante Zizic che nel 2006-07 contribuì all’ottima annata del Racing con 11 gol. Quel campionato per la cronaca lo vinse il Real Madrid allenato da Fabio Capello con Fabio Cannavaro al centro della difesa.

Suoi compagni di squadra erano Lionel Scaloni e Walid Regragui, attuali commissari tecnici dell’Argentina e del Marocco che potrebbero addirittura incontrarsi in finale ai mondiali in Qatar.

Scaloni e Regragui le cifre

Fu una vera casualità perché l’argentino giocò solo quella stagione con i biancoverdi, dopo una lunga esperienza col Deportivo La Coruna (protagonista della grande epopea di quegli anni della squadra galiziana) e una mini-parentesi al West Ham. In seguito sarebbe venuto anche in Italia alla Lazio e all’Atalanta.

Il rosarino, titolare quasi inamovibile al Racing. Regragui solo il terzino destro di riserva dietro al titolare che era Pinillos. Per l’attuale ct del Marocco terza e ultima stagione a Santander, quella con meno presenze, dopo essere arrivato in Cantabria nel 2004 dall’Ajaccio. Si era rotto praticamente subito alla prima amichevole contro l’Athletic Bilbao in precampionato accumulando così appena 27 gettoni in 2 anni e mezzo.

Rimase solo altri sei mesi al Racing, Walid, prima di essere ceduto al Digione, tornando quindi in Francia. Da lì l’ultima parabola della sua carriera fino al ritiro nel 2008 a quasi 33 anni.

Per quel breve lasso di tempo, però, nella rosa del Racing agli ordini dell’allenatore Miguel Angel Portugal coincisero due dei protagonisti di questo mondiale in Qatar. Due che insieme non hanno mai giocato in una stessa partita ma che potrebbero trovarsi nel match dell’anno, prima però devono sconfiggere Croazia e Francia.

Corsi e ricorsi del calcio e delle sue mille storie che si intrecciano, si perdono e poi si ritrovano quando meno ce le si aspetta.